Avatar utente
yukie
Pirata vincitore
Pirata vincitore
Messaggi: 1624
Iscritto il: 28/04/2011, 18:03
Pirata o Piratessa: F

Gli spunti di yukie: 9) L’E-Prime

12/11/2012, 11:18

Questa tecnica, particolare e controversa, prevede l’abolizione totale del verbo ESSERE.

I verbi sono quelli che danno movimento alla frase, mostrano le azioni dei personaggi e creano nella mente del lettore immagini visive di forte impatto. Pertanto, più i verbi hanno carattere e più il lettore sarà coinvolto nella scena.
Secondo i sostenitori dell’E-Prime ESSERE è un verbo debole, scarsamente evocativo, che dovrebbe essere evitato. Nel 1949, uno studente di nome David D. Bourland Jr. si è proposto di dimostrare che si poteva scrivere senza utilizzare nessuna forma del verbo ESSERE, ottenendo una comunicazione più concreta ed efficace.
Bourland e altri sostenitori suggeriscono che l'uso di E-Prime porta a un linguaggio meno dogmatico e riduce la possibilità di incomprensioni e/o di conflitto.

Prendiamo la frase: John è un agricoltore.
Questa frase, secondo Bourland, è riduttiva e imprecisa, non ci dà abbastanza informazioni su John. Egli propone la variante: John possiede e gestisce 2.000 acri di terreno.
Ecco che l’idea che abbiamo di John ora è più precisa.

Pensiamo alla differenza tra scrivere “Pierre è uno studente” e “Pierre studia Lettere alla Sorbona”. E, sempre in quest’ottica, l’amletico dubbio: “Essere o non essere, questo è il problema.” potrebbe essere espresso come: “Vivere o morire, questo mi domando.” A voi decidere se la variante appare più efficace.

Scrivere senza mai usare il verbo essere è una tecnica un po’ estrema. Ve l’ho proposta per conoscenza; a voi decidere se può fare al caso vostro oppure no. Io sono del parere di prendere il buono e lasciare il resto. Magari scrivere tutto un racconto senza il verbo essere è una fatica che non paga, ma possiamo comunque ragionare sulle singole frasi: qualcuna potrebbe trarre vantaggio dall’uso di un verbo alternativo.

Come prova di stile, possiamo divertirci con questo esercizio: riscriviamo questo brano, sostituendo tutte le voci del verbo essere.

Il mondo aveva i denti e in qualsiasi momento ti poteva morsicare. Questo Trisha McFarland scoprì a nove anni. Alle dieci di una mattina dei primi di giugno era sul sedile posteriore della Dodge Caravan di sua madre con addosso la sua maglietta blu dei Red Sox (quella che ha 36 GORDON sulla schiena) a giocare con Mona, la sua bambola. Alle dieci e mezzo era persa nel bosco. Alle undici cercava di non essere terrorizzata, cercava di pensare: Questa è una cosa seria, questa è una cosa molto seria. Cercava di non pensare che certe volte a perdersi nel bosco ci si poteva fare anche molto male. Certe volte si moriva.
Tutto perché avevo bisogno di fare pipì, pensò... quando poi il bisogno non era così terribile e in ogni caso avrebbe potuto chiedere a mamma e a Pete di aspettare un minuto mentre lei andava dietro un albero. Stavano litigando di nuovo, sai che novità, ed era per quello che era rimasta un po' indietro e senza fiatare. Era per questo che aveva lasciato il sentiero e si era messa dietro un cespo di vegetazione bella alta.
(“La bambina che amava Tom Gordon” – Stephen King)

Avatar utente
tirofisso
Pirata
Messaggi: 91
Iscritto il: 06/09/2012, 19:15
Pirata o Piratessa: M
Località: Monfalcone

Re: Gli spunti di yukie: 9) L’E-Prime

12/11/2012, 16:07

"Il mondo aveva i denti e in qualsiasi momento ti poteva morsicare. Questo Trisha McFarland scoprì a nove anni. Alle dieci di una mattina dei primi di giugno SEDEVA sul sedile posteriore della Dodge Caravan di sua madre con addosso la sua maglietta blu dei Red Sox (quella che ha 36 GORDON sulla schiena) a giocare con Mona, la sua bambola. Alle dieci e mezzo VAGAVA persa nel bosco. Alle undici cercava di non essere terrorizzata, cercava di pensare: una cosa seria, una cosa molto seria. Cercava di non pensare che certe volte a perdersi nel bosco ci si poteva fare anche molto male. Certe volte si moriva.
Tutto perché avevo bisogno di fare pipì, pensò... quando poi il bisogno non PAREVA poi così terribile e in ogni caso avrebbe potuto chiedere a mamma e a Pete di aspettare un minuto mentre lei andava dietro un albero. Stavano litigando di nuovo, sai che novità, e per quello SI TENEVA un po' indietro e senza fiatare. Per questo aveva lasciato il sentiero NASCONDENDOSI dietro un cespo di vegetazione bella alta"

Può andare?
"Ovunque si vada, in California, in inferno o in paradiso, ognuno di noi è un tamburmaggiore alla testa di un corteo di torti e di ingiustizie. E un giorno tutti questi cortei s'incontreranno, si uniranno e dalla loro unione nascerà il terrore"

Avatar utente
barbara78e
Pirata
Messaggi: 2689
Iscritto il: 22/02/2012, 14:09
Pirata o Piratessa: F
Contatta: Sito web

Re: Gli spunti di yukie: 9) L’E-Prime

12/11/2012, 16:26

Il mondo aveva i denti e in qualsiasi momento ti poteva morsicare. Questo Trisha McFarland scoprì a nove anni. Alle dieci di una mattina dei primi di giugno OCCUPAVA IL sedile posteriore della Dodge Caravan di sua madre con addosso la sua maglietta blu dei Red Sox (quella che ha 36 GORDON sulla schiena) a giocare con Mona, la sua bambola. Alle dieci e mezzo VAGAVA nel bosco. Alle undici cercava di IGNORARE IL TERRORE, cercava di pensare: Questa STAVA DIVENTANDO una cosa seria, questa STAVA DIVENTANDO una cosa molto seria. Cercava di non pensare che certe volte a perdersi nel bosco ci si poteva fare anche molto male. Certe volte si moriva.
Tutto perché avevo bisogno di fare pipì, pensò... quando poi il bisogno non SEMBRAVA così terribile e in ogni caso avrebbe potuto chiedere a mamma e a Pete di aspettare un minuto mentre lei andava dietro un albero. Stavano litigando di nuovo, sai che novità, per quello che CAMMINAVA un po' indietro e senza fiatare. Per questo aveva lasciato il sentiero, ANDANDO dietro un cespo di vegetazione bella alta.


gli ultimi verbi "essere" finali, li ho semplicemente tolti...

belli questi esercizi!
:)
...in cosa può sperare il raccolto se non nella cura del mietitore?

Avatar utente
yukie
Pirata vincitore
Pirata vincitore
Messaggi: 1624
Iscritto il: 28/04/2011, 18:03
Pirata o Piratessa: F

Re: Gli spunti di yukie: 9) L’E-Prime

12/11/2012, 20:48

Bravi tutti e due! :D
Oh, sarà suggestione, ma a me stanno piacendo di più le vostre versioni rispetto a quella originale: che abbiano ragione i sostenitori dell’E-Prime?

(Tirofisso, te n’è sfuggito uno: Alle undici cercava di non essere terrorizzata ;) )

Avatar utente
tirofisso
Pirata
Messaggi: 91
Iscritto il: 06/09/2012, 19:15
Pirata o Piratessa: M
Località: Monfalcone

Re: Gli spunti di yukie: 9) L’E-Prime

12/11/2012, 23:14

"Alle undici cercava di non MORIRE DI TERRORE"...meglio? :D
"Ovunque si vada, in California, in inferno o in paradiso, ognuno di noi è un tamburmaggiore alla testa di un corteo di torti e di ingiustizie. E un giorno tutti questi cortei s'incontreranno, si uniranno e dalla loro unione nascerà il terrore"

gazza998
Pirata
Messaggi: 1812
Iscritto il: 31/08/2011, 10:44
Pirata o Piratessa: M
Contatta: Sito web

Re: Gli spunti di yukie: 9) L’E-Prime

12/11/2012, 23:52

io sono un fanatico dell'e-prime, anche se ho scoperto solo adesso che si chiama così :)
http://www.facebook.com/NordestFarwest

Avatar utente
MasMas
Capitano
Messaggi: 10005
Iscritto il: 18/06/2011, 21:30
Pirata o Piratessa: M
Località: Imola
Contatta: Sito web Facebook Google+

Re: Gli spunti di yukie: 9) L’E-Prime

13/11/2012, 2:01

Oggi mi giustifico (ce n'è già di esercizi fatti bene, dai). In effetti essere... risultare più specifici aiuta. Magari cavare tutti gli essere è... diventa fanatismo ma usarli poco è... risulta un buon suggerimento.
Me lo annoto subito.
Da vicino nessuno è nOrMaLe
La vita è una corsa, e io sto cercando una panchina
Una risata vi seppellirà

Avatar utente
barbara78e
Pirata
Messaggi: 2689
Iscritto il: 22/02/2012, 14:09
Pirata o Piratessa: F
Contatta: Sito web

Re: Gli spunti di yukie: 9) L’E-Prime

13/11/2012, 13:28

MasMas ha scritto:In effetti essere... risultare più specifici aiuta.


però si potrebbe incappare nelle "ire" dell'editor: la prima regola non è snellire? Girando attorno al concetto, non si rischierebbe di allungare troppo i periodi?

MasMas ha scritto:Magari cavare tutti gli essere è... diventa fanatismo ma usarli poco è... risulta un buon suggerimento


Alla fine credo che dipenda dal testo e dallo stile che si sta usando.
(e dal tempo e dalla voglia dell'autore... :lol: )
...in cosa può sperare il raccolto se non nella cura del mietitore?

gazza998
Pirata
Messaggi: 1812
Iscritto il: 31/08/2011, 10:44
Pirata o Piratessa: M
Contatta: Sito web

Re: Gli spunti di yukie: 9) L’E-Prime

13/11/2012, 14:17

come diceva un editor famoso: se un errore è ripetuto costantemente diventa stile ;)
poi dipende anche dal genere: se scrivo un romanzo introspettivo ci sta che mi soffermi su un certo numero di particolari, arricchisca il testo perché la storia magari è tizio incontra tizia e poi trombano ma in mezzo si fanno un sacco di pare. Nel genere dove invece c'è più azione, credo sia solo nocivo, e rallenti troppo la narrazione.
http://www.facebook.com/NordestFarwest

Avatar utente
peta
Pirata vincitore
Pirata vincitore
Messaggi: 1990
Iscritto il: 16/08/2011, 9:48
Pirata o Piratessa: F

Re: Gli spunti di yukie: 9) L’E-Prime

13/11/2012, 17:23

Onestamente credo sia una tecnica possibile solo in un racconto... in un romanzo mi sembrerebbe un po' troppo forzato.

Il mondo aveva i denti e in qualsiasi momento ti poteva morsicare. Questo Trisha McFarland scoprì a nove anni. Alle dieci di una mattina dei primi di giugno stava seduta sul sedile posteriore della Dodge Caravan di sua madre con addosso la sua maglietta blu dei Red Sox (quella che ha 36 GORDON sulla schiena) a giocare con Mona, la sua bambola. Alle dieci e mezzo camminava sperduta nel bosco. Alle undici cercava di non sentirsi terrorizzata, cercava di pensare al fatto che si trattava di una cosa seria, una cosa molto seria. Cercava di non pensare che certe volte a perdersi nel bosco ci si poteva fare anche molto male. Certe volte si moriva.
Tutto perché avevo bisogno di fare pipì, pensò... quando poi il bisogno non risultava così terribile e in ogni caso avrebbe potuto chiedere a mamma e a Pete di aspettare un minuto mentre lei andava dietro un albero. Stavano litigando di nuovo, sai che novità, proprio per quello aveva deciso di rimanere un po' indietro e senza fiatare. Per questo aveva lasciato il sentiero nascondendosi dietro un cespo di vegetazione bella alta.

Torna a “CORSO DI SCRITTURA: Gli spunti di Yukie”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti