Avatar utente
Black Bart
Capitano
Messaggi: 7135
Iscritto il: 15/02/2011, 13:45
Pirata o Piratessa: M
Località: Bologna
Contatta: Sito web Facebook

Re: Gli spunti di yukie: 1) Editing o revisione?

18/09/2012, 14:32

A volte la violenza viene vista solo dall'autore, sbrigliare frasi contorte o liberarle dai rami secchi (parole totalmente inutili che sovraccaricano il testo) dal punto di vista dell'editor non è violenza, anzi il contrario.
Subirlo però è un processo complicato. Quando ti editano la prima cosa che guardi è la quantità di correzioni, se sono molte ti arrabbi. Sempre. Poi passi in rassegna frase per frase e tante volte sei costretto a ricrederti, specie se hai buon senso e se non sei prigioniero del tuo ego.
La cosa incredibile è rileggere un proprio testo editato molti mesi più tardi. Raramente lo sentiamo estraneo, raramente ricordiamo della prima versione che se andiamo a rileggere troviamo brutta o poco scorrevole. Parlo per esperienza, almeno a me è capitato spesso.
Siamo sporchi, bastardi e cattivi... Siamo Pirati.

Avatar utente
Elisa
Nostromo
Messaggi: 1525
Iscritto il: 28/07/2011, 18:50
Pirata o Piratessa: F

Re: Gli spunti di yukie: 1) Editing o revisione?

19/09/2012, 17:15

Yukie sei un mito <3
Io credo molto nella revisione dei testi e l'editing è senz'altro un utilissimo strumento. Il punto di vista di un estraneo ci permette di 'vedere' il racconto con angolazioni diverse, non è poco. Alex, qunado leggeva qualche mio testo, mi diceva spesso 'Elisa, non siamo nella tua testa'. Mi trasmetteva il punto di vista del lettore.
Attendo le puntate successive Yukie _|
Un pensiero è ciò che manca a una banalità per essere un pensiero (Kraus)

Avatar utente
Anne Bonny
Capitano
Messaggi: 2770
Iscritto il: 15/02/2011, 12:26
Pirata o Piratessa: F
Località: Un'Isola Compresa

Re: Gli spunti di yukie: 1) Editing o revisione?

20/09/2012, 7:43

Finalmente leggo anch'io :oops: mentre sorseggio il caffè... bellissima prima lezione come introduzione (monito) a chi ancora non sa cosa significhi essere editato... un po' come quando i clienti mi stravolgono i lavori
la sfida è che devi fare sempre meglio di lui :D devi dimostrare chi è il capobranco! Così dalla sua proposta ne nascerà un'altra sempre meglio

una cosa però mi chiedo: quando io studio ad es un logo, non devo esprimere me stessa ma il cliente, quindi capire il cliente e tradurlo (un po' forse come dovrebbe fare l'editor?)

ma è davvero possibile riuscire a editare senza snaturare? Lo so lo scoprirò nelle prossime puntate
grazie yu <3
Quando mangio, bevo acqua. Quando bevo, bevo vino!
(Un Alpino)

Avatar utente
yukie
Pirata vincitore
Pirata vincitore
Messaggi: 1624
Iscritto il: 28/04/2011, 18:03
Pirata o Piratessa: F

Re: Gli spunti di yukie: 1) Editing o revisione?

20/09/2012, 8:47

LICETTI ha scritto:Che sia revisione o che sia editing è sempre una violenza al testo

Quando sottopongo un mio testo a editing non la vivo come una violenza, ma come un’opportunità per vedere quello che ho scritto con altri occhi. Capita spesso che mi incaponisco su una parola o frase, la cambio venti volte e ancora non sono soddisfatta. Poi con gli editing vedo che quella frase viene ignorata (segno che va bene così) e che vengono trovati inciampi dove io credevo scorresse tutto liscio. Ero talmente impegnata su quella parte che non vedevo il resto.
LICETTI ha scritto:La differenza poi con la revisione - che io ribattezzerei Autoediting - non ci dovrebbe toccare molto. Se sia un'estraneo o se siamo noi a "correggere" il testo non importa perchè a volte, così come esce, ha pure il suo fascino: nascosto, misterioso o solo molto lontano dalla sensibilità altrui.

Questo è vero solo in parte. “Buona la prima” è un risultato difficile da ottenere, in genere c’è sempre qualche miglioramento da fare. È pur vero che a volte, dopo aver cambiato e ricambiato una frase, la si riporta a quella originaria ed è perfetta così. Ma il discorso “nascosto, misterioso o solo molto lontano dalla sensibilità altrui” dipende anche dalla finalità del testo. Se il nostro obiettivo è di pubblicare, dobbiamo sapere che la maggior parte delle Case Editrici difficilmente punterà su un testo troppo fuori dagli schemi conosciuti, banalmente proprio per ragioni di mercato. E più la Casa è piccola meno rischierà investimenti su qualcosa che non è “sicuro”.

Avatar utente
yukie
Pirata vincitore
Pirata vincitore
Messaggi: 1624
Iscritto il: 28/04/2011, 18:03
Pirata o Piratessa: F

Re: Gli spunti di yukie: 1) Editing o revisione?

20/09/2012, 8:51

Elisa ha scritto: Alex, qunado leggeva qualche mio testo, mi diceva spesso 'Elisa, non siamo nella tua testa'. Mi trasmetteva il punto di vista del lettore.

Punto di vista importante, visto che il lettore è il fruitore finale del testo.
(Se Alex è quell’Alex che conosco salutamelo tanto :) )
Anne Bonny ha scritto:ma è davvero possibile riuscire a editare senza snaturare?

Ogni autore ha il suo stile e il compito dell’editor non è quello di appiattire e uniformare tutti gli stili ma, al contrario, quello di “potare i rami secchi”, come diceva sopra Black Bart, per far brillare lo stile dell’autore. È come lavorare una pietra grezza per far emergere il diamante. Il diamante però ci deve essere, e deve metterlo l’autore del testo: nessun editing può trasformare in capolavoro un testo scritto da cani e/o senza idee. Quindi il merito finale, anche di un testo editato, è sempre dell’autore.
Editare senza snaturare deve essere l’obiettivo dell’editor. Poi, abbiamo sempre a che fare con persone, quindi l’oggettività assoluta è difficile da ottenere. Basta che il tema trattato sia particolarmente caro all’editor (o, al contrario, lo annoi a morte) ed ecco che il giudizio sull’opera può essere un po’condizionato. Come editor, bisogna cercare di affrontare un testo con la massima onestà possibile.
In ogni caso, la decisione finale sui cambiamenti da apportare è in mano all’autore.

Avatar utente
log2ins
Pirata
Messaggi: 195
Iscritto il: 12/07/2012, 16:18
Pirata o Piratessa: M
Località: Bari

Re: Gli spunti di yukie: 1) Editing o revisione?

21/09/2012, 17:19

Seguirò con interesse questa rubrica, anche se sono appena scappato da un tentativo di editing che alcuni piratacci volevano fare sul mio romanzucolo... povero... già me lo vedevo tagliuzzato in tutte le parti dai loro coltellacci! ;-)

Ora che so qual'è la differenza direi che sia meglio fermarmi alla revisione. Già ho la nausea, figuriamoci...
I did it for the lulz (Anonymous)

Avatar utente
MasMas
Capitano
Messaggi: 10005
Iscritto il: 18/06/2011, 21:30
Pirata o Piratessa: M
Località: Imola
Contatta: Sito web Facebook Google+

Re: Gli spunti di yukie: 1) Editing o revisione?

21/09/2012, 17:39

Ma nooooo... Guarda che succede a DUE pagine del romanzo di Elisa...
Beh, il conforonto dovrebbe essere sempre positivo. Come si diceva, un editing non vuole essere una violenza nè una critica personale, ma solo uno spunto per migliorare.
Come si dceva, la palla alla fine è in mano all'autore. Anche questo bisogna sia chiaro, forse: un autore un po' timido potrebbe farsi prendere la mano ed essere troppo spinto a seguire a tutti i costi gli editing, mentre invece anche lui deve avere le palle polso per non farsi scoraggiare e prendere solo il buono, scartando le cose che non servono o non ritiene giuste come le mie.
Poi soprattutto con editing multipli e poco professionali come i nostri. Certo se hai a che fare con un editor di una casa editrice lì cambia... ma almeno è uno solo e, si spera, bravo.
Da vicino nessuno è nOrMaLe
La vita è una corsa, e io sto cercando una panchina
Una risata vi seppellirà

Avatar utente
Ria
Pirata
Messaggi: 526
Iscritto il: 16/11/2012, 14:09
Pirata o Piratessa: F

Re: Gli spunti di yukie: 1) Editing o revisione?

02/12/2012, 4:49

Black Bart ha scritto:Credo che non sia una questione di capacità di autogiudicarsi, credo che nessuno riesca a farlo. Rileggendoci sentiamo la nostra voce scandire le parole, è una voce molto familiare e dice le cose che avremmo detto noi stessi!

_| ahahahahaha sono morta dal ridere! X**D


Grazie Yukie per gli spunti! Sono davvero interessanti! Volevo chiederti perché gli aggettivi in -mente siano brutti.
Perché sono ridondanti e creano una sorta di rima costante o perché sono errati?
'Io scrivo perché se no sclero' Caparezza

Avatar utente
yukie
Pirata vincitore
Pirata vincitore
Messaggi: 1624
Iscritto il: 28/04/2011, 18:03
Pirata o Piratessa: F

Re: Gli spunti di yukie: 1) Editing o revisione?

02/12/2012, 9:41

Grazie Ria per darmi l'opportunità di spiegarlo.
Non è che di per sé gli avverbi in -mente debbano essere sempre eliminati; il problema è che di solito un principiante tende ad abusarne (così come per i possessivi e le “d” eufoniche). Allora si cerca di limitare i danni. Ordinando NON USATELI si sa che qualcuno scapperà lo stesso, ma se si dicesse USATELI CON PARSIMONIA la percentuale di avverbi inseriti sarebbe molto più alta.

Perché vanno centellinati?

1-Perché sono ridondanti e inutili
Vediamo le frasi:
I due soprammobili erano esattamente uguali.
I due soprammobili erano uguali.
Qual è la differenza di significato? Nessuna. Ma la prima frase è appesantita da un avverbio che rallenta la lettura e non aggiunge informazioni utili. In questo caso vale la regola “meno è meglio”.

2 – Perché raccontano invece di narrare
Giulio reagì violentemente.
Giulio mollò un calcio al cagnolino e uscì sbattendo la porta.
Leggendo la seconda frase c’è qualche dubbio sul fatto che Giulio abbia reagito in modo violento? In questo caso abbiamo usato qualche parola in più, ma abbiamo acquistato un’immagine vivida, che resterà più impressa nella mente del lettore.

Avatar utente
Ria
Pirata
Messaggi: 526
Iscritto il: 16/11/2012, 14:09
Pirata o Piratessa: F

Re: Gli spunti di yukie: 1) Editing o revisione?

02/12/2012, 11:15

Ho capito. Domanda: io adoro Anne Rice, e le traduzioni dei suoi libri sono ricchissimi di -mente ed è quello che mi piace un sacco. Però ovviamente lei è esperta e non farà gli errori di un esordiente ad 'abusarne' sempre e comunque. Quindi l'ideale sarebbe fare un equilibrio tra i due metodi di narrazione?
Forse è solo questione personale?
sarà che io sono di super parte e adoro il ridondante! 8-)
'Io scrivo perché se no sclero' Caparezza

Torna a “CORSO DI SCRITTURA: Gli spunti di Yukie”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite