Avatar utente
Capitano Alatriste
Pirata
Messaggi: 62
Iscritto il: 19/10/2012, 10:12
Pirata o Piratessa: M
Località: Milano ( ma so' de Roma )

Re: Gli spunti di yukie: 1) Editing o revisione?

02/12/2012, 11:42

Leggo solo ora questo bel post e provo a dire la mia.
Probabilmente il mio è un caso estremo, ma la revisione del mio romanzo è durata 15 anni.
Nell'arco di questo tempo si sono succedute ben quindici riletture con revisione e 3 schede di lettura commissionate ad agenzie letterarie. Nessun editing approfondito da professionisti.
Le schede di lettura, benevole per la storia e la capacità di scrittura e scoraggianti per l'approfondimento di alcuni personaggi e per altri motivi di organicità, sono state molto utili, nonostante la mia comprensibile indisposizione iniziale.
Queste mi hanno permesso, a ogni rilettura, di migliorare nel tempo il testo e di farlo maturare. Quello della revisione per me è un momento esaltante. Continuerei a leggere e correggere all'infinito se ne avessi la possibilità. Non sono mai soddisfatto pienamente del lavoro svolto e ogni volta che dico basta non cambio più una virgola, rileggendomi, tempo dopo, sento la necessità di rimetterci ancora le mani. E lo faccio con grande piacere, perché nel frattempo sono cresciuto, ho studiato, mi sono confrontato o sono solo diventato più ispirato. Ma è pur sempre una competizione tra me e me. Per questo è fondamentale un confronto con un editor, ma che sia della CE per cui pubblichi. Tutti gli altri possono dare dei contributi più o meno autorevoli, ma è quello della tua CE che ti darà dignità di pubblicazione all'interno di una linea editoriale.
Ne ho sentite tante sul rapporto tra autore ed editor, ma voglio pensare che se una CE ti mette sotto contratto un buon motivo ci sarà. Quindi niente stravolgimenti, ma una meticolosa salvaguardia del testo esaltandone le potenzialità e limando i difetti.
Per quanto riguarda aggettivi e avverbi ho già espresso la mia opinione in qualche altro post. Per me tutto è funzionale allo stile e al taglio creativo che si vuole dare alla scrittura. Non ne farei del meno ce ne sono meglio è una regola da correttore ortografico. Faccio un esempio:
yukie ha scritto:I due soprammobili erano esattamente uguali.
I due soprammobili erano uguali.

Se questo esempio di Yukie è più che corretto questa frase
I due soprammobili erano tristemente uguali
pur contenendo un avverbio esprime un giudizio che potrebbe essere esemplificativo di una visione dell'ambiente che si sta descrivendo. Ha in sé un'accezione negativa che può essere funzionale al tipo di sensazioni che si vogliono trasmettere al lettore.
Per cui, se anche le continue revisioni sul mio romanzo mi hanno insegnato ad asciugare il testo con il metodo del levare, consigliato da molti manuali di scrittura, non mi fascerei troppo la testa sull'uso sia di aggettivi che di avverbi, a condizione che trovino una loro legittimità nello stile narrativo.

Avatar utente
MasMas
Capitano
Messaggi: 10028
Iscritto il: 18/06/2011, 21:30
Pirata o Piratessa: M
Località: Imola
Contatta: Sito web Facebook Google+

Re: Gli spunti di yukie: 1) Editing o revisione?

02/12/2012, 12:50

Nel libro di Beppe Severgnini 'Italiano lezioni semiserie', l'autore dice di eliminare tutti i 'che' dai testi. Poi propone un esercizio: un brano di Calvino pieno di che. La soluzione cita: disgraziati! Non si tocca un brano di Calvino.
Io comunque i -mente mi è capitato di trovarli pesanti, forse anche solo perché termini lunghi; in questa epoca di velocità e abbreviazioni una parola di dieci lettere è troppo :)
Rimane comunque vero il fatto che le regole devono essere prese con il buon senso, e i dogmi fanno sempre male.
Da vicino nessuno è nOrMaLe
La vita è una corsa, e io sto cercando una panchina
Una risata vi seppellirà

Avatar utente
yukie
Pirata vincitore
Pirata vincitore
Messaggi: 1624
Iscritto il: 28/04/2011, 18:03
Pirata o Piratessa: F

Re: Gli spunti di yukie: 1) Editing o revisione?

02/12/2012, 17:49

Ria ha scritto:Quindi l'ideale sarebbe fare un equilibrio tra i due metodi di narrazione?
Forse è solo questione personale?

Io direi che l’equilibrio lo si raggiunge con la consapevolezza. Attraverso lo studio, l’esercizio e il confronto si arriva a capire sempre meglio quando una parola - qualunque tipo di parola - è una stonatura inutile (come i soprammobili esattamente uguali) oppure aggiunge una sfumatura alla frase (come i soprammobili tristemente uguali, citati da Alatriste).

Avatar utente
Ria
Pirata
Messaggi: 526
Iscritto il: 16/11/2012, 14:09
Pirata o Piratessa: F

Re: Gli spunti di yukie: 1) Editing o revisione?

03/12/2012, 12:56

Capitano Alatriste ha scritto:Quello della revisione per me è un momento esaltante. Continuerei a leggere e correggere all'infinito se ne avessi la possibilità. Non sono mai soddisfatto pienamente del lavoro svolto e ogni volta che dico basta non cambio più una virgola, rileggendomi, tempo dopo, sento la necessità di rimetterci ancora le mani. E lo faccio con grande piacere, perché nel frattempo sono cresciuto, ho studiato, mi sono confrontato o sono solo diventato più ispirato.



Sai che condivido pienamente quello che dici? A me capita altre sì di apprezzarla poiché la storia e i personaggi 'non muoiono mai' si evolvono e continuano a dire cose nuove, in un certo senso finché non metti la parola fine al lavoro essi crescono con te.


yukie ha scritto:Io direi che l’equilibrio lo si raggiunge con la consapevolezza. Attraverso lo studio, l’esercizio e il confronto si arriva a capire sempre meglio quando una parola - qualunque tipo di parola - è una stonatura inutile (come i soprammobili esattamente uguali) oppure aggiunge una sfumatura alla frase (come i soprammobili tristemente uguali, citati da Alatriste).


Ti ringrazio, penso che tu abbia pienamente ragione.
'Io scrivo perché se no sclero' Caparezza

Avatar utente
Bandito
Pirata
Messaggi: 87
Iscritto il: 13/12/2013, 8:16
Pirata o Piratessa: M
Località: Torino

Re: Gli spunti di yukie: 1) Editing o revisione?

14/12/2013, 8:01

-Dove avrò messo il pela patate... forse qui?-
Bandito, l'ultimo dei mozzi, si trovò sull'uscio della stanza in cui si discuteva di editing e revisione. Stupore, terrore.
-E se mi scoprono? Non dovrei origliare, questi sono discorsi da pirati vissuti. Ma non ce la faccio, è più forte di me.-
Bandito si sedette sul lercio pavimento con la schiena poggiata al muro. Ascoltò con attenzione quello che dissero i pirati, quelli veri. Ne fece tesoro.

Era ora di tornare al lavoro, se il capitano lo avesse scoperto a gingillarsi e addirittura ad origliare lo avrebbe rigettato in mare.
Mentre con cautela faceva per alzarsi vide qualcosa sul pavimento alla sua sinistra: -Ma questo è il pelapatate! Ecco dov'eri!-
Niente conigli nel mio cilindro.

Avatar utente
barbara78e
Pirata
Messaggi: 2689
Iscritto il: 22/02/2012, 14:09
Pirata o Piratessa: F
Contatta: Sito web

Re: Gli spunti di yukie: 1) Editing o revisione?

14/12/2013, 12:08

:lol: :lol: :lol:


SFATICATO! FILA A SCROSTARE LE LATRINE! Che è stagione di influenza intestinale! :shock:

o-
...in cosa può sperare il raccolto se non nella cura del mietitore?

Avatar utente
Bandito
Pirata
Messaggi: 87
Iscritto il: 13/12/2013, 8:16
Pirata o Piratessa: M
Località: Torino

Re: Gli spunti di yukie: 1) Editing o revisione?

15/12/2013, 8:12

barbara78e ha scritto::lol: :lol: :lol:


SFATICATO! FILA A SCROSTARE LE LATRINE! Che è stagione di influenza intestinale! :shock:

o-


:shock: fiut
Niente conigli nel mio cilindro.

Avatar utente
barbara78e
Pirata
Messaggi: 2689
Iscritto il: 22/02/2012, 14:09
Pirata o Piratessa: F
Contatta: Sito web

Re: Gli spunti di yukie: 1) Editing o revisione?

28/04/2014, 22:26

<3
...in cosa può sperare il raccolto se non nella cura del mietitore?

Torna a “CORSO DI SCRITTURA: Gli spunti di Yukie”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite