Avatar utente
yukie
Pirata vincitore
Pirata vincitore
Messaggi: 1624
Iscritto il: 28/04/2011, 18:03
Pirata o Piratessa: F

Gli spunti di yukie: 1) Editing o revisione?

17/09/2012, 11:33

Panino col salame, lattina di coca... crunch crunch... :shock: 'mbè, che avete da guardare? Me l'ha detto il capitano di mettermi qui a fare lo spuntino... crunch crunch...
Mmh, ora che ricordo meglio, mi aveva chiesto di fare dei piccoli spunti. Ops!... Fatemi nascondere le briciole sotto a questo barile... non mi ha visto, vero?
Bene... cominciamo.

Con questo post inauguro una rubrica fissa che tratterà di tecniche narrative (non esistono solo il PdV e lo show don't tell!), formattazioni del testo, nozioni di editing, ecc. Tutte piccole cose che ci aiuteranno a migliorare la scrittura. Non hanno la pretesa di essere delle lezioni, sono solo degli spunti per parlare insieme del nostro hobby preferito (hey tu, parlavo della scrittura, metti via quella collezione di francobolli!).

Per cominciare, direi di fare chiarezza su editing e revisione.
Sono la stessa cosa? Sì e no.
Entrambi sono lavori che servono a migliorare un testo narrativo, con la differenza che l'editing si fa sui testi altrui e la revisione sui propri. E per quanto possa sembrare il contrario, non è una distinzione da poco. Vediamo perché.

EDITING
Innanzitutto il lavoro di un altro scrittore non ci appartiene. Questo significa che un buon editing non deve snaturare lo stile dell'autore né la struttura dell'opera. Non possiamo riscrivere il testo solo perché, a nostro gusto, è preferibile così. Gli interventi devono essere il più possibile leggeri, e mirati a correggere errori e debolezze del testo che stiamo editando. Se proprio riteniamo che - oggettivamente - alcune frasi trarrebbero beneficio da una riscrittura, possiamo suggerire all'autore le modifiche che riteniamo utili, lasciando a lui la decisione finale sul cambiamento.

REVISIONE
La revisione, al contrario, permette all'autore di fare ciò che vuole sul proprio testo: correggerlo, riscriverlo, togliere/aggiungere parti... buttare tutto nel cestino :? Sento già i sospiri di sollievo: quindi la revisione è più facile dell'editing! Ne siete proprio sicuri? Per fare una buona revisione serve, prima di tutto, staccarsi dai legami affettivi che ci vincolano a ciò che abbiamo scritto (e che ci foderano gli occhi di prosciutto). Dobbiamo riuscire a guardare il nostro testo con lo stesso spirito critico con cui valutiamo quello di un altro autore. Ancora convinti che sia facile?

Come si impara a fare una revisione? Facendo editing. Perché, ammettiamolo, sui testi degli altri riusciamo a essere più feroci obiettivi. Quelle “d” eufoniche, che nel nostro racconto sono peccatucci veniali, quanto fastidio ci danno nel testo di Tiziocaio? Un assonanza nel nostro testo? Wow, pure poeti siamo! Un assonanza nel testo di Tiziocaio? Matita rossa! Abbiamo scritto un avverbio in -mente? Beh, dai, lì ci stava bene. L'ha scritto Tiziocaio? Ma non lo sa che gli avverbi in -mente sono IL MALE? (Oh, ma quanto scrive male Tiziocaio? Speriamo che a nessun pirata venga in mente di iscriversi con questo nick.)

Quindi: editiamo. Facciamolo perché siamo pirati, e fa parte della nostra etica aiutare e sostenere i colleghi pirati e facciamolo perché, se impariamo a riconoscere i difetti sui testi degli altri, riusciremo a scovarli anche nei nostri, perfino prima di scriverli, ottenendo già in prima stesura un testo epurato in buona parte da piccoli/grandi “orrori”.

Tra una settimana il prossimo spunto. Ma intanto apriamo il dibattito su questo argomento: dite dite..

Avatar utente
Black Bart
Capitano
Messaggi: 7135
Iscritto il: 15/02/2011, 13:45
Pirata o Piratessa: M
Località: Bologna
Contatta: Sito web Facebook

Re: Gli spunti di yukie: 1) Editing o revisione?

17/09/2012, 13:59

Adoro già questa rubrica!!
o!
Siamo sporchi, bastardi e cattivi... Siamo Pirati.

Avatar utente
MasMas
Pirata
Messaggi: 10187
Iscritto il: 18/06/2011, 21:30
Pirata o Piratessa: M
Località: Imola
Contatta: Sito web Facebook Google+

Re: Gli spunti di yukie: 1) Editing o revisione?

17/09/2012, 16:10

C'hai ragione! Per quanto sia scarso a giudicare gli altri, a giudicare me stesso ho proprio un blocco psicologico...' cioè, non è una questione di orgoglio, che pure un minimo, ammetto, c'è sempre. È proprio incapacità di giudicarmi.
Da vicino nessuno è nOrMaLe
La vita è una corsa, e io sto cercando una panchina
Una risata vi seppellirà

Avatar utente
Black Bart
Capitano
Messaggi: 7135
Iscritto il: 15/02/2011, 13:45
Pirata o Piratessa: M
Località: Bologna
Contatta: Sito web Facebook

Re: Gli spunti di yukie: 1) Editing o revisione?

17/09/2012, 16:56

Credo che non sia una questione di capacità di autogiudicarsi, credo che nessuno riesca a farlo. Rileggendoci sentiamo la nostra voce scandire le parole, è una voce molto familiare e dice le cose che avremmo detto noi stessi!
Per cui ci inganna, se solo riuscissimo a sentire quelle parole scandite da un'altra voce ci accorgeremmo che non sono poi così belle come sembrano, ci accorgeremmo di certi passaggi che scritti in altro modo filerebbero di più, certi passaggi contorti. Un po' si migliora con il tempo ma l'obiettività (o la distanza psicologica) è utopia.
Siamo sporchi, bastardi e cattivi... Siamo Pirati.

Avatar utente
peta
Pirata vincitore
Pirata vincitore
Messaggi: 1990
Iscritto il: 16/08/2011, 9:48
Pirata o Piratessa: F

Re: Gli spunti di yukie: 1) Editing o revisione?

17/09/2012, 17:13

Mi sembra proprio di essere a scuola... Le cose dette dalla maestra filano alla grande. Durante la lezione ho l'impressione di avere appreso le conoscenze dell'intero pianeta... eppure... appena arrivo a casa a fare i compitini... puff! Sparisce tutto.
Quante volte ho preso in mano un testo altrui e non sono riuscita a mettere manco un segno... nulla di nulla, ma perché? Non so proprio... la vivo quasi come una violenza... ma che diritto ho io di mettere parola sui testi di altri? Mi devo sforzare tantissimo... e quindi, solitamente, parto dagli errori materiali: spazi in più, accenti mancanti, errori di battitura... ma il resto... un incubo. Non riesco proprio. Per quanto invece riguarda i miei testi... la storia è simile... non so, o mi piacciono subito e non riesco a cambiarli... oppure proprio non mi piacciono e cancello intere frasi.
So di non essere una scrittrice e so di non essere un editor... ma quanto è dure far parte di 'sto forum :?

Avatar utente
Panzer
Pirata
Messaggi: 983
Iscritto il: 11/03/2011, 10:37
Pirata o Piratessa: M

Re: Gli spunti di yukie: 1) Editing o revisione?

17/09/2012, 17:15

Bravissima Yukie, ottima iniziativa.. _| _| o!

Avatar utente
yukie
Pirata vincitore
Pirata vincitore
Messaggi: 1624
Iscritto il: 28/04/2011, 18:03
Pirata o Piratessa: F

Re: Gli spunti di yukie: 1) Editing o revisione?

17/09/2012, 18:52

MasMas ha scritto:C'hai ragione! Per quanto sia scarso a giudicare gli altri, a giudicare me stesso ho proprio un blocco psicologico...' cioè, non è una questione di orgoglio, che pure un minimo, ammetto, c'è sempre. È proprio incapacità di giudicarmi.

È ovvio MasMas. Se non ci piacesse quello che abbiamo scritto, l'avremmo scritto diversamente ;)
Per questo la revisione non è per niente facile. Se siamo stati su una frase e l'abbiamo pensata, cullata, curata... è facile che non riusciamo più a pensarla diversa da così. Per questo un occhio esterno spesso è utile per darci un altro punto di vista.

Avatar utente
yukie
Pirata vincitore
Pirata vincitore
Messaggi: 1624
Iscritto il: 28/04/2011, 18:03
Pirata o Piratessa: F

Re: Gli spunti di yukie: 1) Editing o revisione?

17/09/2012, 19:02

peta ha scritto:Quante volte ho preso in mano un testo altrui e non sono riuscita a mettere manco un segno... nulla di nulla, ma perché? Non so proprio... la vivo quasi come una violenza... ma che diritto ho io di mettere parola sui testi di altri? Mi devo sforzare tantissimo... e quindi, solitamente, parto dagli errori materiali: spazi in più, accenti mancanti, errori di battitura... ma il resto... un incubo. Non riesco proprio.

Abbiamo sempre il permesso dell'autore (quando non la sua richiesta) di mettere un testo in editing, quindi non si tratta di un diritto che ti prendi, ma di un favore che fai all'autore, che desidera un confronto su quanto ha scritto. Capisco che possa essere difficile, soprattutto quando si tratta di fare una critica. È più facile correggere un errore oggettivo (un refuso, un verbo sbagliato...), che per quanto possa dar fastidio è inoppugnabile, piuttosto che lanciarsi a criticare un'incoerenza della trama o la debolezza di un personaggio (critica di cui magari non siamo nemmeno tanto sicuri).
Ma le critiche e i commenti si fanno sempre con la giusta dose di umiltà, consapevoli di dare il proprio punto di vista e non di imporre una verità assoluta. Anche perché la scrittura è fatta più di tecniche che di regole (a parte quelle grammaticali).

Avatar utente
MasMas
Pirata
Messaggi: 10187
Iscritto il: 18/06/2011, 21:30
Pirata o Piratessa: M
Località: Imola
Contatta: Sito web Facebook Google+

Re: Gli spunti di yukie: 1) Editing o revisione?

18/09/2012, 10:55

Peta, te sei troppo buona. L'editor è un lavoro anche un po' da bastardo, dai zac
Da vicino nessuno è nOrMaLe
La vita è una corsa, e io sto cercando una panchina
Una risata vi seppellirà

LICETTI
Pirata
Messaggi: 192
Iscritto il: 08/05/2012, 15:58
Pirata o Piratessa: F

Re: Gli spunti di yukie: 1) Editing o revisione?

18/09/2012, 14:20

Che sia revisione o che sia editing è sempre una violenza al testo, eccezion fatta per quanto a errori, refusi o quant'altro corrispondente a regole grammaticali che tutti dovrebbero conoscere, soprattutto chi scrive.
MI hanno insegnato che chi fa editing deve gardare il testo e non l'autore o se stesso, ma io risponderei che chi fa editing lavora personalmente su parole di un'altra persona e quindi la vera oggettività al 100% non si raggiunge mai.
Credo, ma lo dico anche dal bassofondo della mia esperienza, che il buon editor, quello veramente capace, vede subito le incongruenze, le discrepanze, come anche le sottigliezze che proprio non ci stanno e ti fa ragionare sul motivo e sulla ragione per non poterli accettare o per doverci lavorare su.

Cosa e se tu come autore ci faccia con quello che ti dicono gli editor - ovvero correttori con testa e dita - è tutt' altra questione che sono certa apparirà in una delle prossime puntate.

La differenza poi con la revisione - che io ribattezzerei Autoediting - non ci dovrebbe toccare molto. Se sia un'estraneo o se siamo noi a "correggere" il testo non importa perchè a volte, così come esce, ha pure il suo fascino: nascosto, misterioso o solo molto lontano dalla sensibilità altrui.
L'importante non è aver vissuto,ma vivere.
Mai visto un vaso rotto che si ricomponga da solo
Anche l'erba, se calpestata, diventa sentiero.
L’artista è sempre vanitoso: non si vende, non fa quel che si vende e a volte non vende nemmeno quel che fa.

Torna a “CORSO DI SCRITTURA: Gli spunti di Yukie”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite