Avatar utente
Elisa
Nostromo
Messaggi: 1537
Iscritto il: 28/07/2011, 18:50
Pirata o Piratessa: F

Re: Come stavamo ieri

02/11/2015, 11:14

<3 fiut
Un pensiero è ciò che manca a una banalità per essere un pensiero (Kraus)

Avatar utente
Elisa
Nostromo
Messaggi: 1537
Iscritto il: 28/07/2011, 18:50
Pirata o Piratessa: F

Re: Come stavamo ieri

02/11/2015, 11:15

Gli altri sono d'accordo? Rob?
Un pensiero è ciò che manca a una banalità per essere un pensiero (Kraus)

Avatar utente
Rob
Pirata vincitore
Pirata vincitore
Messaggi: 160
Iscritto il: 17/05/2013, 16:41
Pirata o Piratessa: M
Località: Assisi

Re: Come stavamo ieri

02/11/2015, 20:11

Come avrete capito io non sono per questo approccio, ho delle buone ragioni per esserlo e non ho sentito motivazioni valide per cambiarle… ma sono l'ultimo arrivato e voglio conoscere meglio il gruppo. Mi metterò a rivedere questi 13 capitoli.
Nel mese di novembre dovrò restare più tempo possibile murato dentro l'ufficio, cercherò di sfruttare i vari spiragli di tempo che mi si presenteranno, specialmente durante il fine settimana, per portare a termine questa revisione. Se fate molto più in fretta di me vi chiedo di pazientare un po'. Che dire… buona serata a tutti.

Avatar utente
grilloz
Capitano
Messaggi: 1874
Iscritto il: 20/10/2014, 19:41
Pirata o Piratessa: M
Località: Dresda
Contatta: Facebook Google+

Re: Come stavamo ieri

02/11/2015, 20:26

Cerco di rileggere i primi 13 nei prossimi giorni, vediamo se mi viene qualche idea ;)

<|>

Avatar utente
Elisa
Nostromo
Messaggi: 1537
Iscritto il: 28/07/2011, 18:50
Pirata o Piratessa: F

Re: Come stavamo ieri

04/11/2015, 11:28

Attendo vostre notizie, buona lettura
Un pensiero è ciò che manca a una banalità per essere un pensiero (Kraus)

Avatar utente
grilloz
Capitano
Messaggi: 1874
Iscritto il: 20/10/2014, 19:41
Pirata o Piratessa: M
Località: Dresda
Contatta: Facebook Google+

Re: Come stavamo ieri

06/11/2015, 8:20

Finito in tram mentre venivo in ufficio ;)
Devo dire che letto tutto di seguito fa un altro effetto, più omogeneo. Leggendolo a puntate mi sembrava a volte che qualche personaggio sparisse, ad esempio, probabilmente dovuto al fatto che passavano a volte settimane tra un capitolo e l'altro.
Nel complesso il risultato fin qui mi piace, un testo scorrevole con personaggi interessanti, con un pizzico di umorismo sottolineato da un'atmosfera malinconica.
Ora ti dico cosa ci ho visto io di interessante, poi dimmi quanto sono fuori strada:
ci ho visto un libro che parla di solitudine nell'era dei social dove tutti sono connessi ma tutti vivono all'interno di un guscio. E molti restano in qualche modo esclusi. Un po' tutti i personaggi della storia (al meno fin dove li ho conosciuti, alcuni sono appena accennati) vivono in qualche modo una loro solitudine (forse a parte Cate, ma forse neppure lei si salva).
La differenza è che mentre PAride il suo guscio lo lascia grigio gli altri lo colorano in qualche modo, cercano insomma di mascherare la loro solitudine: Brad con il suo atteggiamento, Shin col pianoforte, Tanino con la sua cresta, Chiara col suo essere logorroica e col suo interpretare tutto con l'astrologia, lo stesso biondo la nasconde dietro il suo atteggiamento da bullo. L'unico che ha una solitudine "pura" è Giotto.
Cosa mi aspetto dal seguito? Mi aspetto nuovi personaggi un po' strampalati ma che rispondano alla caratteristica del solitario che si nasconde dietro una maschera (molto pirandelliano :) ), ad esempio uno potrebbe essere la ragazza di meetyou che cerca solo sesso che alla fine decide di andare lo stesso alla festa, magari potrebbe essere proprio la ragazza che era seduta in treno con Tanino e che puzzava di profumo, e lei potrebbe nascondere la propria insicurezza dietro questi appuntamenti di sesso facile.
Un'altra cosa che mi aspetto è che il ritmo nell'avvicinarsi alla festa diventi sempre più concitato, con personaggi che spuntano, da tutte le parti, impegni legati all'organizzazione che si incrociano con gli arrivi, magari altri impegni, tipo un colloqui di lavoro. Un'altra idea potrebbe essere non farlo licenziare al telefono, ma convocarlo in ufficio, magari dall'altra parte di Firenze, e magari proprio mentre aveva appuntamento con qualcuno dei suoi ospiti, in modo che lui via via non sappia più come districarsi da questo mosto che ha creato.
Riguardo all'idea che la madre di Giotto glielo affidi avendo visto dei passi avanti nel figlio la vedo un po' fuori personaggio, in fondo a me la madre sembra più fuori del figlio. Un'idea invece potrebbe essere che la madre glielo appioppi senza preavviso, ad esempio facendosi trovare davanti a casa sua, dicendogli qualche frase strampalata tipo "loro sono arrivati, devo andare, proteggiolo tu, se li vedi di Hokinawa", e sparendo subito dopo lasciandolo li imbambolata col bambino per mano. In questo modo aggiungi anche un grado di complicazione alla vicenda, perchè lui si troverebbe a fare tutto sempre col bambino appresso.
Comunque il filo secondo me è proprio la solitudine, e magari l'incontro di questi solitari potrebbe... ma qui non so, il finale penso tu l'abbia già in mente, lo aspetto.

Altro da dire? probabilmente sì, ma in questo momento non mi viene in mente, magari seguendo la discussione...

Spero di esserti stato un pochino utile, attendo il seguito della discussione e del romanzo

<|>

Avatar utente
Elisa
Nostromo
Messaggi: 1537
Iscritto il: 28/07/2011, 18:50
Pirata o Piratessa: F

Re: Come stavamo ieri

09/11/2015, 12:10

Non sarai stato troppo buono Grilloz? :D
Grazie per averlo letto tutto d'un fiato, i tuoi consigli sono validissimi, dal direttore che convoca Paride e lo licenzia mentre gli si incasinano gli appuntamenti, alla madre di Giotto che si presenta a casa di Paride e glielo appioppa, anche se mi piacerebbe che l'affidamento fosse fatto in un modo più 'legale' ;) ma troverò la strada.
Sono contenta che si percepisca il fil rouge della solitudine, era ciò che volevo trasmettere insieme al messaggio che dalla solitudine si può uscire...
Aspetto i suggerimenti degli altri e poi tiro le somme.
Un pensiero è ciò che manca a una banalità per essere un pensiero (Kraus)

Avatar utente
grilloz
Capitano
Messaggi: 1874
Iscritto il: 20/10/2014, 19:41
Pirata o Piratessa: M
Località: Dresda
Contatta: Facebook Google+

Re: Come stavamo ieri

09/11/2015, 15:04

Elisa ha scritto: insieme al messaggio che dalla solitudine si può uscire...


Questo non si evince ancora, aspetto il gran finale ;)

Avatar utente
Elisa
Nostromo
Messaggi: 1537
Iscritto il: 28/07/2011, 18:50
Pirata o Piratessa: F

Re: Come stavamo ieri

09/11/2015, 16:47

Ancora qualche capitolo e si evincerà (o così spero ;) )
Un pensiero è ciò che manca a una banalità per essere un pensiero (Kraus)

Avatar utente
grilloz
Capitano
Messaggi: 1874
Iscritto il: 20/10/2014, 19:41
Pirata o Piratessa: M
Località: Dresda
Contatta: Facebook Google+

Re: Come stavamo ieri

09/11/2015, 17:05

mi sa che tocca aspettare che anche gli altri finiscano di leggere... :geek:

Torna a “Progetti in Stand by”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite