Zero
Pirata
Messaggi: 48
Iscritto il: 18/11/2017, 6:49
Pirata o Piratessa: F

Albero di Natale - parte 2

14/12/2017, 2:38

(...)Poi la la tirai su dal manico e con tutta la forza la sferrai sulla schiena di mio padre.
- Lasciala stare, lasciala stare! Non ha fatto niente! Vattene via, ti odio! - Strillavo mentre mi sgorgavano le lacrime dagli occhi.
- Stai ferma! - Urlò mio padre spingendomi con un braccio e scaraventandomi a terra.
La scopa cadde di lato e io finii lunga battendo la testa sul pavimento.

Osservavo il soffitto mentre scarpe da uomo mi superavano affianco e uscivano dalla stanza.
Si sentì un botto e un frastuono di plastica; dopo pochi istanti una porta venne sbattuta e calò il silenzio.
-Mamma- dissi alzandomi e massaggiandomi dietro la testa.
Sedeva al tavolo e singhiozzava con il viso nascosto sotto la maglia.
-Mamma... - Ripetei toccandole una coscia.
-Lasciami in pace- mi fissò con occhi di fuoco. Li ricordai per anni: occhi che sputavano disprezzo per il solo fatto che fossi al mondo -È tutta colpa tua. -
Non dissi nulla. Mi girai dall'altra parte e uscii dal salotto.
Nel corridoio, incontrai l'immagine di una me distorta che si rifletteva sul dorso lucido di alcune palle di Natale abbandonate affianco all'albero stramazzato a terra.
Mi accucciai e rovistai attenta fra gli aghi finché non trovai la lettera.
"Tanto lo so che non esisti" pensai strappandola a metà.
Scavalcai l'abete ed entrai nella mia cameretta chiudendomi la porta alle spalle mentre mia madre cominciò a battere insistente il pugno su quella accanto.
-Apri la porta, ti prego... fra poco arriveranno tutti-
-Non me ne frega un cazzo dei tuoi parenti di merda che vengono a scroccare a casa mia-
-C'è anche tua madre... -
-Ti ho detto che non me ne frega un cazzo-
Anche se non gliene fregava niente, la chiave scattò e uscì dalla stanza.
I parenti arrivarono quando l'albero era già stato ricomposto, il latte ripulito e la tavola vestita con una tovaglia a tema natalizio: abeti immersi fino a metà corteccia in una coltre di neve. Ti faceva venir voglia di tuffartici dentro.
Durante la cena mio padre raccontò battute sconce la gran parte del tempo. Si gonfiava il petto, ringalluzzito dalle risate. Io non lo ascoltavo; con la mente mi trovavo sotto a un abete e osservavo i fiocchi di neve svanire nel terreno.
Mi alzai solo per seguire uno degli zii, uscito a fumare sul balcone. Mi appoggiavo alla balaustra, cercando di dare una forma agli sbuffi di fumo.
-Allora, che mi dici piccola? - Mi chiese all'improvviso guardando davanti a sé.
-Niente
-Come niente. Non ti piace il Natale?
-No
-Perché?
-Babbo Natale non esiste
Mi accarezzò sopra la nuca accettando la mia spiegazione.
-Che hai qui?- Mi domandò facendo pressione su un punto.
-Niente- risposi allontanandogli la mano.
-Non è niente, c'è un bozzo gigantesco. Sei caduta?
-Non lo so
-Come non lo sai. Non mi vuoi dire com'è successo?
-Mio padre qualche volta è nervoso
Non aspettai risposta; corsi nel salotto e non dissi più nulla fino al momento dei saluti.
Quando la casa si svuotò osservai mia madre riassettare la cucina ma lei non aveva voglia di parlare. Non l'avevo neanche io.
Me ne tornai in camera e mi tuffai nel letto vestita. Quella notte non c'era verso per cui potessi mettermi a dormire.

Avatar utente
samy74
Nostromo
Messaggi: 946
Iscritto il: 06/10/2014, 19:22
Pirata o Piratessa: F
Località: Roma
Contatta: Sito web Facebook Skype Twitter

Re: Albero di Natale - parte 2

14/12/2017, 6:37

La storia c'è. Ripeto molto cruda e ben condensata, senza troppi orpelli. All'inizio non sembra parlare una bambina ma una ragazzina più grande. E se fa una confessione così grande non si può lasciar in sospeso, il lettore si aspetta che Babbo Natale arrivi e salvi la bambina. O succeda un qualche miracolo di Natale che dici? il finale può anche non essere un lieto fine ma sembra che tutto finisca troppo in fretta.

La storia mi piace per quanto è fonte di dolore. Se vuoi ci lavoriamo sù, che dici?

Zero
Pirata
Messaggi: 48
Iscritto il: 18/11/2017, 6:49
Pirata o Piratessa: F

Re: Albero di Natale - parte 2

14/12/2017, 9:53

Ciao Samy, grazie per aver letto la mia storia, scritto il commento e l'apprezzamento :D . Dici che nella prima parte sembra essere più grande? Probabile; non conosco molti bambini di quell'età e non ricordo me a sei anni :mrgreen:
Sì, manca la terza parte che è la più lunga ma è ancora da sistemare sul finale. Ho preferito dividere il racconto in scene per non appesantire la lettura :P
Mi piacerebbe lavorarci insieme <3

Avatar utente
samy74
Nostromo
Messaggi: 946
Iscritto il: 06/10/2014, 19:22
Pirata o Piratessa: F
Località: Roma
Contatta: Sito web Facebook Skype Twitter

Re: Albero di Natale - parte 2

14/12/2017, 10:17

aspetto di leggere la terza parte. Sì nella seconda parte, all'inizio sembra una bambina più grande. I bambini hanno linguaggio semplici e pensieri lineari. Sì dai mi fa piacere.

Avatar utente
MasMas
Pirata
Messaggi: 10187
Iscritto il: 18/06/2011, 21:30
Pirata o Piratessa: M
Località: Imola
Contatta: Sito web Facebook Google+

Re: Albero di Natale - parte 2

14/12/2017, 23:13

Il racconto continua a filare via bene, sui binari della tristezza. :(
A me ha lasciato appena stranito il dialogo finale, come fosse un pelo troppo veloce.
Ma dettagli. Aspetto l'ultima parte in cui muoiono tutti. :) A no sarebbe una sorta di miglioramento della loro condizione. :D (Sto scherzando eh)
Da vicino nessuno è nOrMaLe
La vita è una corsa, e io sto cercando una panchina
Una risata vi seppellirà

Torna a “SPAZIO AUTORI”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite