Avatar utente
samy74
Nostromo
Messaggi: 904
Iscritto il: 06/10/2014, 19:22
Pirata o Piratessa: F
Località: Roma
Contatta: Sito web Facebook Skype Twitter

Mezzo cieco e mezzo sordo- Racconto a Tema

27/11/2017, 7:54

Si poteva lasciarla suonare. Girarsi dall’altra parte e fingere che un altro giorno non fosse arrivato. Ma non lo potevo neanche pensare. Eppure sarebbe stata l’unica cosa da fare. Non ho alternative, mi gratto la schiena e mi alzo. Il dito raggiunge il pulsante per spegnere la suoneria. Rimane la luce del display del telefonino accesa. Per un minuto o forse più rischiara il cuscino. Poi di nuovo buio, una specie di tregua tra il giorno e la notte. I piedi nudi sul pavimento. Il tappeto non è mai al suo posto.
-Allora com’è andata la presentazione capo, siamo stati forti, vero?
-Direi che è andata bene.
-Quando cominciamo tutto il lavoro? Serviranno sicuramente altre due persone per definire i particolari, magari solo all’inizio.
-Ascolta…
-Qui sicuramente dovremo rivedere questa veste grafica, mi convince poco.
-Il lavoro è ben fatto, meglio di tante altre porcherie che circolano nel campo che si spacciano per cose originali.
- Come dici? Allora perché quella faccia?
-Augusto, non sei nel progetto. Hanno deciso che vogliono aspettare nel metterti nello staff. Sarà per la prossima volta.
-Forse non ho capito bene. Il mio orecchio…
-Dai non fare una tragedia, ci ritroviamo al pub stasera, vieni con noi?
-Mia moglie ha la palestra e devo stare con i bambini.
-Dai sarà per la prossima volta.

La caffettiera in cucina è sempre nello stesso posto. Lo scolapiatti. Il caffè nella dispensa. Accendo il fornello e la Bialetti sembra una piccola astronave pronta per decollare. Chiudo la porta del bagno facendo attenzione a non far scricchiolare la maniglia. Ogni giorno mi riprometto di sistemarla, perché così non assomiglierebbe a una grande bocca che mastica sassi. Ogni giorno, però, mi lascio distrarre da qualcos’altro di più urgente e la maniglia rimane lì, attaccata alla porta del bagno inseguita da mille lamentele. E’ una vecchia maniglia, di una porta altrettanto vecchia. Figlio unico, unico nipote ho ereditato tutto anche i ricordi più intimi di una casa che si è trasformata dai muri ai pavimenti, ma la porta del bagno è rimasta la stessa di quando ero bambino. Mi piace considerarla una sopravvissuta, sfuggita al controllo di voler cambiare tutto. Ma poi è così necessario cambiare? Le cose non potrebbero rimanere così e basta? Devo mettere solo un po’ d’olio e tutto andrà a posto. Tutto. Un tutto che comprende un’infinità di cose che sfuggono al mio controllo. Ma non c’è tempo la mattina e la sera sono troppo stanco. Possibile che non c’è mai tempo?

La luce sul lavabo si accende subito e mi lascio guardare dallo specchio, i capelli bianchi sono ormai visibili sulle tempie. Me li accarezzo come fossero un bambino appena nato. Non c'è molto da fare, la loro comparsa è inevitabile. L’occhio che non vede ha una patina bianca che spaventa l’altro. La palpebra lo nasconde per metà. Lo tocco, vorrei togliermelo, e poggiarlo sul lavandino, scaricarlo insieme all’acqua e dentifricio. Le mie mani non andrebbero mai così in profondità. Rimane lì, così come una biglia venuta male. Orbo da anni penzolo in un buio che agli altri appare bianco. Non posso strapparlo e lanciarlo lontano e non posso vedere.
Alzo la tavoletta del water e rimango lì a guardare quel fluido caldo che scende sulle pareti bianche. Sarei potuto rimanere in quella posizione, ma il caffè borbotta in cucina. Approfitto dell’ultimo premuroso borbottio per aprire la porta del bagno. Il rumore si confonde. L’odore distoglie l’attenzione. Non rimane che rimettersi le mutande a posto, lavarsi le mani e andare in cucina. Solo con la poca luce di una mattina d’autunno cercando di non inciampare in qualcosa di grosso. Mi serve una tazzina, la solita di ogni mattina da quindici anni a questa parte. Lo zucchero, tre biscotti e due noci già sbucciate. Per non far rumore o i bambini si potrebbero svegliare prima della madre.
-Mo-ra-ci-ne-se
-Forbice. Ho vinto di nuovo Augusto.
-Giochiamo ancora?
-Se vuoi, nonno.
Preferisco bere il caffè in piedi. Guardare il cielo che riesco a vedere e non pensare a niente. Mio nonno negli ultimi anni della sua vita rimaneva le ore a guardare il cielo. Non so cosa ci trovasse perché io non vedevo niente di speciale. Una mattina di novembre nuvole grigie all’orizzonte si erano ammassate dietro le montagne. Le abbiamo guardate trasformarsi, diventare meno minacciose, ricoprire il cielo di uno strato grigio e quando si è messo a piovere, abbiamo abbassato le tapparelle e tirato le tende. Non c’era più niente da osservare. Il cielo era diventato altro. Mi ha preso la mano e mi ha portato in cucina a mangiare le noci. Sono arrivate le vacanze di natale e quando avevo imparato a rompere le noci anche con le mani, mio nonno se n’è andato. Avrei voluto che avesse una bara dove guardasse il cielo ma ormai il cielo lo aveva conquistato. Nonno quante cose mi hai raccontato che mi sembravano noiose? E quante cose possono venir in mente in pochi minuti, bevendo il caffè. Le montagne oggi non si vedono, coperte dal solito strato di foschia e smog. E’ un peccato quando il cielo è limpido, spuntano come aghi con la punta bianca tra i palazzi.
¬-Se è maschio vorrei chiamarlo come mio nonno. Vincenzo.
-E’ femmina vedrai.

L’insonnia mi divora, si sistema tutte le notti tra il cuscino e i mei sensi di colpa. Se ne nutre come meglio può fare. Mi lascia questo strano intorpidimento di pensieri che al mattino si spostano sulle tempie, sarà per questo che ho già i capelli bianchi. Mio padre alla mia età non ne aveva. Ora guardare la sua testa bianca e stempiata mi fa tenerezza, ma quando ero piccolo quella montagna di capelli che ondulava quando mi sgridava, mi terrorizzava. Avevo visto un film tratto dalla mitologia greca. Medusa con i suoi serpenti mi era venuta a trovare quasi tutte le notti tra la terza e la quarta elementare. Immaginavo che la testa di mio padre si trasformasse in un ammasso di serpenti pronti a sputare veleno. Quante cose si immaginano da bambini. Mi piaceva dare un senso alle forme, animarle, farle diventare qualcosa che non esisteva nella realtà. Non raccontavo mai a nessuno cosa realmente vedevo tra i mucchi di foglie sotto gli alberi o tra la carta appallottolata nel cestino. Tanto nessuno mi avrebbe creduto. La mia capacità espressiva è rimasta un po’ così al limite tra quello che immagino e quello che vedo. Poi è arrivato l’incidente e il mondo è rimasto a metà. Se non mi sbrigo a stirare la camicia anche oggi farò tardi.
-Forbice nonno.
-Sasso Augusto. Più determinazione, studia il tuo avversario.
-Avversario? Tu sei mio nonno.

Dodici minuti e quarantasette secondi. Sono sveglio da così poco eppure sono già stanco. Ogni giorno corro per arrivare alla fermata. Per quanto possa uscire a orari diversi il bus si diverte a giocare con me. Giro l’angolo e lui è lì in fondo alla strada. Per quanto io possa correre non lo riesco mai a raggiungere. Lui si infila tra la gente ammassata sulla banchina e riparte prima che io abbia attraversato i due semafori. Arrivo sempre un momento dopo. Se riuscissi a prendere quell’autobus forse arriverei in tempo per la prima riunione del mattino. Forse riuscirei ad essere al momento giusto al posto giusto. Ma cosa dico? Io? Al momento giusto? Io che faccio tre giri di palazzo per parcheggiare la macchina per poi metterla a tre isolati di distanza e naturalmente, quando arrivo al portone trovo ben due posti liberi proprio sotto casa. Io al momento giusto? Bestemmie. Io che non riuscivo a vincere un incontro neanche se mi allenavo di più. Non era la tecnica che mi mancava ma arrivato alla gara, era come se non mi interessasse di vincere o di perdere. Mi nascondevo nella bravura del mio avversario, se vinceva voleva solo dire che era più forte di me. Il mio allenatore mi spronava, mi lanciava sempre nuove sfide e io non le coglievo. Lasciavo che gli altri mi sorpassassero con facilità, senza dire niente. Poi quattro mesi di ospedale e l’unico posto dove volevo essere era la mia palestra. Quanti ricordi. L’odore di sudore, le docce, il vapore, i vestiti buttati sulle panche. O mi sbrigo o aggiusto la maniglia. Devo solo oliarla un po’. Non farò così tardi.

-Sono le 7.20, ti ho lasciato il caffè.
-Sei di nuovo in ritardo.
-Lo so. Ho messo l’olio nella maniglia della porta del bagno. Ora non farà più rumore.
Mia moglie dorme girata sempre dallo stesso lato. Verso il muro.
-Perché?
-Come? Ah… Perché faceva sempre troppo rumore e ti lamentavi sempre che ti sveglia al mattino.
-Oggi vengono a cambiare la porta del bagno, ieri sera come sempre sei tornato tardi e non avevo voglia di discutere con te per tutte le cose vecchie che vengono sostituite in questa casa.
Rimango con l’odore di caffè addosso. La camicia non stirata e le mani ancora un po’ unte. L’orecchio fischia. La porta del bagno verrà sostituita e io lo vengo a sapere ora. Potevo scegliere di non alzarmi stamane. Potevo far finta per poche ore che tutto sarebbe rimasto così. Invece tutto cambia. Io vengo solo spostato un gradino più in là.
-Allora io vado. Avrei voluto…
Mia moglie si gira. La discussione è finita. Il caffè ora sarà così freddo che lo butterà nel lavandino.
-Cerca di tornare presto stasera che mi serve la macchina.
-La macchina?
-Oggi c’è sciopero dei mezzi.

Ho perso anche la testa.

Zero
Pirata
Messaggi: 48
Iscritto il: 18/11/2017, 6:49
Pirata o Piratessa: F

Re: Mezzo cieco e mezzo sordo- Racconto a Tema

28/11/2017, 16:03

Trasmette molto Samy. Davvero brava.
Man mano che il racconto va avanti, si costruisce il puzzle della vita dell'uomo e si colgono a piene mani le sue sensazioni.
Le metafore sono sempre calzanti ed evocative.
Ho sentito il suo trascinarsi, l'ansia, l'angoscia, la tristezza, la nostalgia, ma forse anche una piccola fiamma di speranza.

Avatar utente
grilloz
Capitano
Messaggi: 1853
Iscritto il: 20/10/2014, 19:41
Pirata o Piratessa: M
Località: Dresda
Contatta: Facebook Google+

Re: Mezzo cieco e mezzo sordo- Racconto a Tema

29/11/2017, 8:50

Come sempre riesci a trasmettere emozioni forti incastrando immagini e sensazioni.
Forse il verbo riflessivo nell'incipit stona un po' e alcuni elementi del racconto non ho capito bene come si incastrano fra loro, però bello.

<|>

Avatar utente
samy74
Nostromo
Messaggi: 904
Iscritto il: 06/10/2014, 19:22
Pirata o Piratessa: F
Località: Roma
Contatta: Sito web Facebook Skype Twitter

Re: Mezzo cieco e mezzo sordo- Racconto a Tema

29/11/2017, 9:55

Zero ha scritto:Trasmette molto Samy. Davvero brava.
Man mano che il racconto va avanti, si costruisce il puzzle della vita dell'uomo e si colgono a piene mani le sue sensazioni.
Le metafore sono sempre calzanti ed evocative.
Ho sentito il suo trascinarsi, l'ansia, l'angoscia, la tristezza, la nostalgia, ma forse anche una piccola fiamma di speranza.


Grazie Zero. Voleva quasi rendere con le sue interminabili emozioni un flusso di coscienza. ::-<:

Avatar utente
samy74
Nostromo
Messaggi: 904
Iscritto il: 06/10/2014, 19:22
Pirata o Piratessa: F
Località: Roma
Contatta: Sito web Facebook Skype Twitter

Re: Mezzo cieco e mezzo sordo- Racconto a Tema

29/11/2017, 9:57

grilloz ha scritto:Come sempre riesci a trasmettere emozioni forti incastrando immagini e sensazioni.
Forse il verbo riflessivo nell'incipit stona un po' e alcuni elementi del racconto non ho capito bene come si incastrano fra loro, però bello.

<|>


L'incipit di questo racconto è strano. Il verbo riflessivo si prestava al flusso di coscienza e all'arrendevolezza del suo esistere. Però manca una frase. Non ho ancora capito quale. O va riscritto semplicemente.

Zero
Pirata
Messaggi: 48
Iscritto il: 18/11/2017, 6:49
Pirata o Piratessa: F

Re: Mezzo cieco e mezzo sordo- Racconto a Tema

29/11/2017, 18:32

L'incipit di questo racconto è strano. Il verbo riflessivo si prestava al flusso di coscienza e all'arrendevolezza del suo esistere. Però manca una frase.

A me piace l'incipit e anche il verbo riflessivo, ma il testo scorre molto bene anche facendolo partire da 'La caffettiera in cucina...'
Mi sembra che così arrivi meglio il flusso di coscienza perché riesco a immergermi subito in quello che stai scrivendo.
Poi come sai io non sono un'esperta eh, lo dico così... A sensazioni :mrgreen:
Ultima modifica di Zero il 29/11/2017, 18:46, modificato 3 volte in totale.

Avatar utente
Titty
Pirata vincitore
Pirata vincitore
Messaggi: 1757
Iscritto il: 30/07/2016, 16:10
Pirata o Piratessa: F

Re: Mezzo cieco e mezzo sordo- Racconto a Tema

29/11/2017, 18:38

grilloz ha scritto:Come sempre riesci a trasmettere emozioni forti incastrando immagini e sensazioni.
Forse il verbo riflessivo nell'incipit stona un po' e alcuni elementi del racconto non ho capito bene come si incastrano fra loro, però bello.

<|>


Stona un po' anche a me il verbo riflessivo. Niente di grave.
Qui, invece, dovrebbe essere diverso.
-Mo-ra-ci-ne-se
-Mor-ra-ci-ne-se.
"Di una cosa sono convinto: un libro deve essere un'ascia per il mare ghiacciato che è dentro di noi".

F. Kafka

Avatar utente
MasMas
Capitano
Messaggi: 10154
Iscritto il: 18/06/2011, 21:30
Pirata o Piratessa: M
Località: Imola
Contatta: Sito web Facebook Google+

Re: Mezzo cieco e mezzo sordo- Racconto a Tema

04/12/2017, 14:33

Belle sensazioni come la solito, però questa volta non ho colto appieno quel che c'è dietro. Diversi elementi della storia mi sono sembrati un po' confusi, forse essendo un racconto un po' più lungo mi è venuta la curiosità di qualche particolare in più.

Poi qui non ho capito:
-Mo-ra-ci-ne-se
-Forbice. Ho vinto di nuovo Augusto.
-Giochiamo ancora?
-Se vuoi, nonno.
Se vale l'alternanza del parlato (non c'è alcun riferimento a chi parla né personaggi nella storia prima quindi suppongo siano due persone che discutono) la seconda frase si rivolge ad Augusto. Siccome poi la quarta (che attribuirei alla stessa persona) parla col nonno, mi da l'idea che Augusto sia il nonno.
Da vicino nessuno è nOrMaLe
La vita è una corsa, e io sto cercando una panchina
Una risata vi seppellirà

Avatar utente
samy74
Nostromo
Messaggi: 904
Iscritto il: 06/10/2014, 19:22
Pirata o Piratessa: F
Località: Roma
Contatta: Sito web Facebook Skype Twitter

Re: Mezzo cieco e mezzo sordo- Racconto a Tema

05/12/2017, 10:39

Andrebbe elaborato meglio, volevo entrare meglio in questo personaggio. Mio difetto non scrivere mai chi parla e nella mia testa è chiaro ma avolte capisco che non lo sia. Da rivedere. Grazie ::-<:

Torna a “SPAZIO AUTORI”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti