Avatar utente
Calibano
Pirata vincitore
Pirata vincitore
Messaggi: 154
Iscritto il: 03/05/2012, 23:51
Pirata o Piratessa: M

Questione di equilibrio

18/11/2017, 12:27

Ci sono gesti che ad alcuni sembrano di una banalità sconcertante, mentre ad altri appaiono come un tesoro inestimabile.
Il balcone di Gianni è di quelli tipici delle corti milanesi. Si estende per tutto il fabbricato e mette in comunicazione gli appartamenti adiacenti. Proprio accanto a quello di Gianni vive un’anziana signora, di piacevole aspetto.
All’ora del tramonto la signora si diletta a dipingere l’elegante figura di un gatto persiano. Un suono soffuso, quasi impercettibile è il segnale dell’arrivo del gatto. Niente miagolii, ma delle fusa. Sembra non voler disturbare il vicinato, il gatto. Salta da un cornicione e rimane fermo in posa, fino a quando la luce diventa così debole da non poter proseguire con la pittura. Allora, solo allora, può finalmente ricevere la sua paga: un tenero boccone di carne o di pesce.
Da quando Gianni ha scoperto quel rapporto tra uomo ed animale ne è rimasto affascinato. Silenzioso aspetta quel momento per godersi il fresco della sera e guardare quell’immagine rilassante, con il passare dei giorni è diventato parte del rituale.
La luce colpisce la tela mettendo in rilievo il manto bianco del persiano. La voce di Gianni, seppure il più debole possibile, sembra un coltello che squarcia quell’istante.
“Buonasera”
La signora distoglie per un attimo la sua attenzione dalla tela e rivolge il suo sguardo liquido, di un celeste cristallino verso Gianni.
“Buonasera” risponde, sollevando leggermente gli angoli della bocca.
“Mi fa venire in mente un quadro di Chagall” prova a continuare Gianni.
“S’intende di pittura?” chiede serafica la signora.
E’ bastata una sola domanda:S’intende di pittura?
E si è creato un muro, un nuovo muro di silenzio. Gianni non riesce nemmeno a parlare. Fa solo un cenno con la testa: No. Non mi intendo di pittura. Però sono affascinato dal suo portamento. Lei dipinge il gatto, ma non è il gatto quello sulla tela. E’ Lei. Bianca, elegante, sinuosa. Il gatto è solo la sua proiezione, la sua manifestazione animale.
Ecco, tutte queste cose Gianni avrebbe voluto dirle, ma niente.
Inspirò l’aria pungente della sera e dalle labbra non uscì parola. Si limitò ad un cenno con la testa. Un cenno per dire no. La signora non aveva nemmeno aspettato la risposta, aveva soltanto ripreso a far andare il pennello.
Il gatto inconsapevole era diventato spettatore.

La signora indossava un caftano di organza, di un pallido cremisi, quel vestito fece venire in mente a Gianni un’altra domanda.
“Lei deve aver viaggiato molto?” una domanda banale. Si, questo è quello che aveva pensato Gianni, di aver fatto una domanda banale.
Il confine tra banalità e originalità è sottile. Questione di equilibrio, di come si da peso alle cose
Alla signora non risultò banale. Quella domanda le permetteva di svelarsi. Di raccontarsi. Non era un confronto ma un dono. Gianni le aveva permesso di donarsi.
Sì, la signora aveva viaggiato molto e visto posti esotici, ma quello scorcio dei Navigli a Milano era la sua casa.
Gianni l’ascoltava ed era bello sentirla parlare, anche le parole erano sinuose, parevano carezze, pennellate di saggezza.
Gli incontri tra Gianni e Sophie, questa era il nome dell’anziana signora, continuarono.
Le mani di Gianni erano appoggiate al davanzale del balcone e la testa sporgeva per meglio guardare lei che dipingeva. Fu così che Gianni venne a sapere che era stata sposata con un ingegnere chimico. Grazie al lavoro del marito, dirigente di una compagnia petrolifera, aveva girato il mondo: Kuwait, Arabia Saudita, Emirati Arabi, Nigeria e Canada.
Lei aveva però rinunciato alla sua passione: l’insegnamento.
Questi dialoghi serali erano il rifugio dove Gianni trovava riparo dall’inquietudine della vita.
All’inizio, quando Paola rientrava dal lavoro e trovava Gianni intento nel suo colloquio pacato con la vicina, si sentiva come sollevata, quasi alleggerita dall’obbligo di dare conforto al marito, di prendersi cura delle sue ombre, di riempire i suoi silenzi.
Il confine tra leggerezza e pesantezza è però sottile. Questione di equilibrio.
Erano a tavola e stavano mangiando quando Paola pronunciò quella frase:
“Ma non ti sei stancato di sentire le storie di quella vecchia?”
Era la prima volta che Paola usava quel termine – vecchia – nei confronti della signora.
– Vecchia – Gianni sentì quella parola proprio come un sasso in pieno volto.
Forse fu solo il pretesto per scaricare una rabbia sopita.
Anni di attenzioni, di coccole per un marito mai contento, perennemente insoddisfatto. Gianni e la sua laurea nel cassetto. Gianni che non viene capito. Gianni che non si sente adeguato. Gianni che invecchia. Gianni che non riesce ad avere figli. Gianni e le sue paure.
“Ma non sarai mica gelosa di Sophie?” Provò a replicare Gianni
“Gelosa io? Di chi? Di quella vecchia?” Rispose sarcastica Paola
“Allora perchè ti da fastidio se parlo con lei?… E non chiamarla vecchia!” Tentò di imporsi Gianni
“Parla pure, Certo poverino, tu hai bisogno di parlare ! Magari se qualche volta ti degni di pensare a noi!”
“Ma cosa hai? Problemi al lavoro?” Chiese Gianni, con quella intonazione tipica di chi vuole deriderti.
“No, sono stanca! Stanca di te. Stanca del fatto che non si può contare su di te. Stanca del tuo egoismo, stanca… perché tu non riesci che a pensare che a te stesso e alle tue paure” vomitò nel litigio Paola. Si alzò spinse la sedia verso Gianni e se ne andò in camera.
Gianni guardò il piatto, con la forchetta si mise a spostare qualche pisello mentre si mordeva il labbro inferiore.
Cosa li aveva uniti? Cercò di ricordarsi il giorno del matrimonio, ma gli tornò alla mente la prima volta che avevano fatto sesso insieme. Erano studenti all’Università. Lei si era avvicinata a lui per una scommessa, perlomeno questo gli aveva raccontato. Una sera lei lo aveva portato in una zona fuori città, dalle parti del Gallaratese, un posto squallido, una specie di parco con alle spalle dei casermoni di cemento. Lì si erano baciati, poi lei si era chinata, gli aveva tirato giù la zip dei jeans e lo aveva preso in bocca. Così era iniziata la loro storia d’amore.
A Gianni piaceva fare sesso con Paola, ma da quando avevano scoperto che lui era sterile, qualcosa era cambiato, qualcosa, come si dice, si era rotto.
Gianni si alzò e si diresse, come tutte le sere, da un anno ormai, verso il balcone. Il gatto sembrava lo aspettasse, stavolta però fece un “miaoo…” interrogativo. Al posto di Sophie, sull’altro lato del balcone, c’erano degli uomini con delle tute bianche e dei scatoloni in mano, tutto faceva pensare a un trasloco.
“La signora si è trasferita?” Provò a chiedere Gianni.
“Poverina, La conosceva?” Disse uno degli uomini con le tute bianche.
“Si, ma perchè poverina? E’ successo qualcosa?”
“Un suicidio. E’ stata trovata dal figlio. Adesso stiamo facendo dei rilievi. Vuole rilasciare delle dichiarazioni? Il Commissario è nella stanza accanto”.
“Un suicidio! Scusi non avevo fatto caso alla divisa. No, no! La conoscevo a malapena. Ogni tanto due chiacchiere, sa! La vedevo dipingere sul balcone e così…un suicidio, ma pensa, non l’avrei mai detto”.
“Capisco, anche a noi fa sempre un certo effetto”. Il poliziotto troncò la conversazione e riprese con il suo lavoro.
Una strana sensazione s’impadronì di Gianni, come un’euforia. Una specie di sorriso gli nasceva da sotto i baffi. Gli sembrava di essere tornato bambino, quando ogni cosa è gioco, anche la morte. Si sentiva leggero, liberato da un peso, da quell’ansia costante che gli aveva reso la vita negli ultimi anni opprimente. Non riusciva a darsi una spiegazione per quello che provava. Lentamente si diresse verso la camera da letto. Paola all’interno, sopra le lenzuola, era rannicchiata dalla sua parte, avvolta nella rabbia, in silenzio e al buio. Lui prese a baciargli il collo e poi la spalla. Sembrava che lei non avesse nessuna reazione. Poi lui iniziò anche a carezzarla. Le mani salivano dalle gambe alla schiena, in maniera sempre più audace. Lei si girò verso di lui, si baciarono e fecero l’amore, come non gli succedeva da tanto tempo.
Quando ebbero finito ed entrambi nudi e supini avevano lo sguardo rivolto al soffitto, lui le disse:
“Sophie è morta, si è suicidata”.
Lei non disse niente, pensò che lui stesse scherzando, le venne da ridere.
“Sei un cretino”, così lo schernì, mentre gli dava pizzicotti e piccoli pugni. Giocarono alla lotta come dei bimbi. Alla fine si abbracciarono e stretti l’uno all’altra si addormentarono.
Quante volte aveva pensato al suicidio. Quanti tentativi erano andati a vuoto. Erano passati sei mesi da quando aveva programmato l’ultimo nei minimi particolari. Non una cosa cruenta, il dolore lo spaventava. All’inizio aveva pensato a certe pillole, sonnifero forse. Poi era venuto a conoscenza dell’avvelenamento da monossido di carbonio, da un romanzo. Un libro che proprio Sophie gli aveva regalato. Così si era procurato un bel tubo flessibile, della misura giusta, che dalla marmitta della sua auto arrivasse al finestrino. Il giorno prescelto, quello del suo anniversario di matrimonio, si era seduto e acceso il motore della Renault parcheggiata all’interno del garage. Nella macchina l’aria si era riempita di CO e lui aveva cominciato a sentire il sonno che lo aggrediva. Stava ormai perdendo i sensi, quando qualcosa che possiamo chiamare istinto lo spinse ad aprire lo sportello.
Quel sottile confine tra la vita e la morte era lì, ad un passo, ma Gianni non sapeva scegliere, era questa la sua inquietudine. Questione di equilibrio.
sembra che le nuvole si spalanchino e scoprano tesori pronti a piovermi addosso

Avatar utente
MasMas
Capitano
Messaggi: 10005
Iscritto il: 18/06/2011, 21:30
Pirata o Piratessa: M
Località: Imola
Contatta: Sito web Facebook Google+

Re: Questione di equilibrio

18/11/2017, 20:29

Un racconto strano. Scritto bene, e dalla trama complessa che ti tiene lì. Però narra una vicenda che devo ancora inquadrare. Personaggi particolari, al limite. Mi ha incuriosito e ancora mi fa interrogare.
Da vicino nessuno è nOrMaLe
La vita è una corsa, e io sto cercando una panchina
Una risata vi seppellirà

Avatar utente
Calibano
Pirata vincitore
Pirata vincitore
Messaggi: 154
Iscritto il: 03/05/2012, 23:51
Pirata o Piratessa: M

Re: Questione di equilibrio

19/11/2017, 9:07

Si, vorrei far riflettere su come spesso ci basiamo su delle apparenze....cosa sappiamo di Sophie? Quello che Gianni vede che é una signora benestante se non ricca, che ha viaggiato, che dipinge. Ma é felice? Secondo Gianni si. Mai si sarebbe aspettato un suicidio....ed é quello che succede nella vita reale...tutte le volte che ho avuto a che fare con persone che si sono tolte la vita, ho sempre espresso incomprensione sul gesto...persone da cui proprio non te lo aspettavi. Poi ci sono i tentato suicidi....quelli che sono fatti per attirare attenzione....Insomma l'animo umano ha sensibilità differenti e noi facciamo fatica a capirlo. Gianni, messo di fronte al gesto che ha pensato di compiere tante volte, ha avuto una reazione inaspettata. Come se in cuore suo si fosse accesa una luce, come se qualcuno lo avesse fatto al suo posto liberandolo da un peso.
sembra che le nuvole si spalanchino e scoprano tesori pronti a piovermi addosso

Avatar utente
MasMas
Capitano
Messaggi: 10005
Iscritto il: 18/06/2011, 21:30
Pirata o Piratessa: M
Località: Imola
Contatta: Sito web Facebook Google+

Re: Questione di equilibrio

19/11/2017, 20:55

Calibano ha scritto:Come se in cuore suo si fosse accesa una luce, come se qualcuno lo avesse fatto al suo posto liberandolo da un peso.


Ecco, vedi, non avevo valutato questo aspetto.
Da vicino nessuno è nOrMaLe
La vita è una corsa, e io sto cercando una panchina
Una risata vi seppellirà

Avatar utente
Titty
Pirata vincitore
Pirata vincitore
Messaggi: 1652
Iscritto il: 30/07/2016, 16:10
Pirata o Piratessa: F

Re: Questione di equilibrio

20/11/2017, 3:10

Tema trattato in un racconto particolare. Inconsueto. Fa riflettere. Ti segnalo un refuso:
Allora perchè ti da fastidio se parlo con lei?…
"Di una cosa sono convinto: un libro deve essere un'ascia per il mare ghiacciato che è dentro di noi".

F. Kafka

Avatar utente
samy74
Nostromo
Messaggi: 841
Iscritto il: 06/10/2014, 19:22
Pirata o Piratessa: F
Località: Roma
Contatta: Sito web Facebook Skype Twitter

Re: Questione di equilibrio

20/11/2017, 11:18

Questioni di equilibrio. una delicata altalena tra spazi e tempi, luoghi e modi. Tra senso e sentimento. Mi è piaciuta questa altalena che si riportava sempre all'interno del personaggio. La pittura, il gatto che è equilibrista per natura, il senso della vita e della morte che si insinua nella steriltà del personaggio. Bel racconto ::-<:

Avatar utente
Jacopo
Pirata
Messaggi: 137
Iscritto il: 19/03/2012, 17:44
Pirata o Piratessa: M

Re: Questione di equilibrio

23/11/2017, 16:32

È un po' confuso. Sia nei temi, che nella storia, che nella forma.
Partiamo dalla consecutio temporum. Se parti al presente, resta al presente.
I temi: di che parla la storia? Delle turbe di lui? Sostanziale. Dell'intimo che nascondiamo? Mostralo. Cosí come é pare piú una serie di scene che un racconto.
Il gatto, i viaggi, la vecchia e la sua sensualità occupano praticamente metà racconto ma tutta l'azione non riguarda per nulla lei. A che pro dunque?
Un fucile appeso al muro, prima della fine deve sparare. Se il gatto, i viaggi, le conversazioni e l'ingegnere chimico non servono, tagliali.
Il racconto del fallito suicidio di lui alla fine che senso ha? Non starebbe forse meglio all'inizio per mostrare quanto il tizio sia insicuro e fallace? Anziché raccontarci le sue insicurezze, potevi mostrarcele.
Ecc. ecc.

Almeno agli inizi, quando ancora non si é pienamente padroni della propria scrittura, é bene semplificare. Rifarsi alle regole basilari dello storytelling. I romanzi esistenzialisti arriveranno.
Still, é scritto bene ed interessante.
Silly monkeys... give them thumbs, they forge a blade.

Avatar utente
Ella
Pirata vincitore
Pirata vincitore
Messaggi: 58
Iscritto il: 01/10/2017, 18:58
Pirata o Piratessa: F

Re: Questione di equilibrio

24/11/2017, 13:15

Ciao Calibano! Bel racconto, intimista. Mi è piaciuto il cambio di scena: dalla descrizione di un rituale quotidiano che fa pensare a un personaggio curioso, in cerca di storie da vivere indirettamente, alla comparsa di una moglie che porta con sé tutte le complessità e le problematiche esistenziali del protagonista. Hai descritto bene come i pensieri suicidari passino del tutto inosservati all'esterno; diversamente da Jacopo, credo che il ricordo dei tentativi di Gianni di togliersi la vita arrivi al momento giusto, spiazzando il lettore e, al tempo stesso, facendogli ricollegare tanti dettagli lasciati qua e là nel testo.

Ti lascio alcune note di carattere grammaticale e sintattico, nella speranza che possano tornarti utili:
Calibano ha scritto:All’ora del tramonto la signora si diletta a dipingere l’elegante figura di un gatto persiano. Un suono soffuso, quasi impercettibile è il segnale dell’arrivo del gatto. Niente miagolii, ma delle fusa. Sembra non voler disturbare il vicinato, il gatto.

Ripetitivo, eliminerei o sostituirei almeno una volta "gatto" con un altro vocabolo.

Calibano ha scritto:rivolge il suo sguardo liquido, di un celeste cristallino verso Gianni.

Ci starebbe bene una virgola.

Calibano ha scritto:E bastata una sola domanda:S’intende di pittura?

Alcuni refusi. Occhio ai mancati spazi e alle maiuscole non necessarie anche in altri punti del racconto.

Calibano ha scritto:La signora indossava un caftano di organza, di un pallido cremisi, quel vestito fece venire in mente a Gianni un’altra domanda.
“Lei deve aver viaggiato molto?” una domanda banale. Si, questo è quello che aveva pensato Gianni, di aver fatto una domanda banale.
Il confine tra banalità e originalità è sottile. Questione di equilibrio, di come si da peso alle cose
Alla signora non risultò banale. Quella domanda le permetteva di svelarsi. Di raccontarsi. Non era un confronto ma un dono. Gianni le aveva permesso di donarsi.

Anche questo stralcio mi suona un po' ridondante.
La frase “Lei deve aver viaggiato molto” non costituisce una domanda, semmai un'osservazione. Inoltre, sembra manchi la punteggiatura dopo le virgolette.

Calibano ha scritto:Gli incontri tra Gianni e Sophie, questa era il nome dell’anziana signora, continuarono.


Calibano ha scritto:“Allora perchè ti da fastidio se parlo con lei? E non chiamarla vecchia!” Tentò di imporsi Gianni
“Parla pure, Certo poverino, tu hai bisogno di parlare ! Magari se qualche volta ti degni di pensare a noi!”
“Ma cosa hai? Problemi al lavoro?” Chiese Gianni, con quella intonazione tipica di chi vuole deriderti.

perchè --> occhio all'accento sul perché anche più avanti nel testo;
degni --> degnassi?
cosa hai --> apostrofare renderebbe a mio avviso più fluida la lettura.

Calibano ha scritto:tu non riesci che a pensare che a te stesso [...] Si alzò spinse la sedia verso Gianni e se ne andò in camera.

C'è un che di troppo. Più avanti manca una virgola.

Calibano ha scritto:Lei si era avvicinata a lui per una scommessa, perlomeno questo gli aveva raccontato. Una sera lei lo aveva portato in una zona fuori città

Nella seconda frase il soggetto non è necessario, si capisce che stai ancora parlando di Paola.

Calibano ha scritto:Gianni si alzò e si diresse, come tutte le sere, da un anno ormai, verso il balcone.

La frase risulta molto spezzettata. Parafraserei con "come tutte le sera da un anno a quella parte", o qualcosa di simile.

Calibano ha scritto:Nella macchina l’aria si era riempita di CO

Potrebbe non risultare immediato, forse sarebbe meglio scrivere "monossido di carbonio" per esteso.


A rileggerti!

Avatar utente
MasMas
Capitano
Messaggi: 10005
Iscritto il: 18/06/2011, 21:30
Pirata o Piratessa: M
Località: Imola
Contatta: Sito web Facebook Google+

Re: Questione di equilibrio

24/11/2017, 21:01

Un editing (in buona sostanza): quanti bei ricordi...
E al di là di tutto, complimenti e grazie per l'impegno! :)
Da vicino nessuno è nOrMaLe
La vita è una corsa, e io sto cercando una panchina
Una risata vi seppellirà

Avatar utente
Titty
Pirata vincitore
Pirata vincitore
Messaggi: 1652
Iscritto il: 30/07/2016, 16:10
Pirata o Piratessa: F

Re: Questione di equilibrio

24/11/2017, 21:12

Proprio da commenti così che s'impara. Io li preferisco. Quelli con una pacca sulla spalla e un cuoricino non servono a molto. Mica da tutti saper editare. Complimenti!
"Di una cosa sono convinto: un libro deve essere un'ascia per il mare ghiacciato che è dentro di noi".

F. Kafka

Torna a “SPAZIO AUTORI”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti