Avatar utente
Black Bart
Capitano
Messaggi: 7135
Iscritto il: 15/02/2011, 13:45
Pirata o Piratessa: M
Località: Bologna
Contatta: Sito web Facebook

Una barca nel bosco di Paola Mastrocola

28/05/2015, 11:02

barca.jpg
barca.jpg (9.68 KiB) Visto 1086 volte


Una barca nel bosco
Autore: Mastrocola Paola
Editore: Guanda
Pagg. 264

Romanzo - vincitore del premio Campiello 2004 - scritto in prima persona dal giovane protagonista, Gaspare.
La storia è di formazione, quindi una storia in cui il protagonista, durante la stessa, matura, evolve, cresce diventando adulto. Ho letto però nella quarta di copertina una frase che indicava la storia come di "sformazione", vedremo dopo perché.
Gaspare è un ragazzino che vive in una sperduta isola del sud Italia, il padre fa il pescatore. Una professoressa delle medie lo prende sotto la sua ala e lo introduce alla passione per il latino facendogli "tradurre" grandi autori del passato. Giunto al momento di scegliere la scuola superiore l'insegnante convince la famiglia a dargli l'opportunità di fare il liceo: Gaspare e la madre si trasferiranno a Torino per farlo studiare.
A Torino il ragazzo si troverà in una realtà completamente diversa da quella in cui è cresciuto, avrà evidenti difficoltà di inserimento in una classe in cui i compagni seguono mode, hanno famiglie benestanti, fumano, sono diversi. Come un pesce fuor d'acqua - o una barca nel bosco - Gaspare sarà costretto a "sformarsi" nel tentativo, spesso goffo, di essere come gli altri, essere accettato. Farà anche in modo di non prendere continuamente 10 in latino, cosa che lo faceva sentire marziano.
Evolvendo al contrario (andando contro a tutte le cose imparate dalla famiglia) finirà la scuola, si farà qualche amico, rimarrà deluso dall'università (eviterà di scegliere la facoltà in cui nutre profonda passione: il latino) e infine inizierà, forse come atto di ribellione alla massificazione, a piantare alberi nel piccolo appartamento torinese.

E' una bellissima storia, molto originale sia per scrittura che per trama (alcune trovate quasi surreali). La voce del protagonista è una "voce pensata" che ci risuona nelle orecchie, ci fa appassionare e divertire. La seconda parte del romanzo è anche molto malinconica e disillusa. Da leggere assolutamente.
Siamo sporchi, bastardi e cattivi... Siamo Pirati.

Clear
Pirata
Messaggi: 373
Iscritto il: 29/10/2013, 6:57
Pirata o Piratessa: F

Re: Una barca nel bosco di Paola Mastrocola

31/05/2015, 9:16

Mi ispira e me lo segno...

Giuseppe Novellino
Veterano vincitore
Veterano vincitore
Messaggi: 1748
Iscritto il: 07/08/2011, 11:55
Pirata o Piratessa: M

Re: Una barca nel bosco di Paola Mastrocola

07/06/2015, 18:50

Direi che l'argomento è addirittura paradossale. Mi ha incuriosito, come mi incuriosiscono tutte le storie che mettono a nudo un certo "ordine di vita" e ogni forma di ipocrisia.

Torna a “Le recensioni di Pescepirata”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite