Avatar utente
Black Bart
Capitano
Messaggi: 7135
Iscritto il: 15/02/2011, 13:45
Pirata o Piratessa: M
Località: Bologna
Contatta: Sito web Facebook

Intervista a Gorilla Sapiens Edizioni

15/11/2013, 10:28

.
logo_gorilla.png
logo_gorilla.png (27.81 KiB) Visto 1762 volte
Ho conosciuto Gorilla Sapiens per caso, per via del concorso “Diverso sarò io”. Avevo messo un annuncio su facebook per editori che volevano collaborare donando dei libri, Gorilla diede la disponibilità; così guardai un po' chi erano e cosa facevano. Scoprii una nuova casa editrice, molto giovane, piena di entusiasmo. Una piccola indipendente casa editrice romana.
Vidi che erano onesti, che lavoravano con una gran passione, facevano libri con copertine coloratissime, storie grottesche, comiche, fresche, divertenti. Insomma, mi fecero gran bella impressione!
Poco dopo, quando mi arrivarono i libri a casa li sfogliai: stampati benissimo, curatissimi, perfetti, tutto in ordine, niente da dire!

Così, visto che nel nostro Laboratorio di Scrittura per Autostoppisti ci sono autori che scrivono storie surreali, grottesche, comiche; ho deciso di farveli conoscere.

Adoro l'ironia, ho un'ossessione per la corretta lingua italiana e un certo appetito per la distruzione delle categorie. Mi piace parlare di grandi sciocchezze come di questioni filosofiche di poco conto. I Gorilla sapiens sono fatti così! Sarà forse per via di quella storia dell'estinzione, che non ci fa dormire sonni tranquilli, ma nei momenti di veglia ci piace prendere la vita con leggerezza.


(Avete mai provato a fare domande a un Gorilla? Io ci ho provato...)

BB: Come vi è venuta la voglia e l'esigenza di aprire l'attività editoriale dopo che in italia ormai sono più gli editori che i lettori e da quale esperienze arrivate (chi diavolo siete)?

Gorilla: Per non dilungarsi troppo, basta dire che discendiamo dalle scimmie. In seguito a una serie di mutazioni evolutive ci siamo ritrovati editori.


BB: Fare l'editore in Italia è una forma imprenditoriale o romantica, come la vedete voi la faccenda considerato che i romantici fanno scelte sbagliate e falliscono e i gli imprenditori puri vengono tacciati di scarsa sensibilità culturale?

Gorilla: Il romanticismo ci fa venire l’orticaria, noi puntiamo sul surrealismo. All’imprenditoria pura invece vogliamo contrapporre l’editoria dada. Infine rinnegheremo anche queste affermazioni fra ventiquattro secondi, in quanto dadate. Vogliamo creare un movimento culturale che fallisca nel suo tentativo di fallire una rivoluzione. Oppure fallire nel tentativo di creare un movimento culturale che fallisca. Ma con un occhio cieco sempre puntato sul marketing.


BB: Ho maneggiato e sfogliato i vostri libri che sono molto belli e curati. Le copertine hanno la vostra impronta, mi ricordano l'edizione classica de “La guida galattica degli autostoppisti” che in qualche modo credo sia vicino anche alla linea editoriale del Gorilla. Dico giusto? Raccontaci la linea editoriale e cosa volete pubblicare.

Gorilla: Abbiamo una collana dedicata a testi ironici, e una agli scarti. Per molti autori è traumatico essere assegnati alla collana “Scarto”, e allora inventiamo delle storie tipo che per noi “scartare” significa selezionare, ed è come dire che loro sono i prescelti tra milioni di altri che invece non vengono scartati. Quando abbiamo capito che tutto questo non aveva senso, o comunque risultava di difficile decifrazione, era ormai troppo tardi. Vorrei specificare che la collana “Scarto” raccoglie i testi non ironici. E aggiungerei per completezza che la collana di testi ironici non si chiama “Scarto”, ma “Caramella Acida”.


BB: Stampate in digitale o in offset? Perché questa scelta e sarà per sempre così?

Gorilla: Offset. Non sembrerebbe, ma siamo tradizionalisti.


BB: Chi è il vostro distributore e cosa ne pensate in generale della distribuzione? Parlando con tanti piccoli editori la distribuzione viene dipinta come il male assoluto dell'editoria, cosa ne pensate voi?

Gorilla: Al momento abbiamo un distributore per Toscana, Umbria e Lombardia, e per l’estero: Libro Co Italia. È vero che inserirsi nei circuiti di distribuzione è molto difficile, e anche quando si riesce ci sono molti svantaggi e disfunzionalità. Per questo, come molti altri piccoli editori, stiamo cercando di creare una rete di librerie fiduciarie con le quali interagire direttamente.


BB: Andate in stampa con un nuovo romanzo, quante copie deve vendere perché non ci rimettiate? Come stanno andando i libri che avete in catalogo?

Gorilla: Considerato che stampando in offset dobbiamo fare tirature dalle 500 copie in su, in media dovremmo vendere 250 copie per titolo per non rimetterci. Ogni libro fa un suo percorso, noi cerchiamo di seguirli e portarli avanti tutti, e il più a lungo possibile, per non rimetterci né economicamente né emotivamente.


BB: La promozione conta qualcosa oggi in Italia? Permettimi una piccola riflessione sull'argomento vista da fuori. Vedo un piccolo editore che manda comunicati stampa a giornalisti di testate semi sconosciute (es.: il gazzettino di Casola Canina) ed è costretto a leccar loro i piedi per un misero trafiletto. Sempre lui poi chiede a blogger e siti letterari una recensione mandando qualche copia gratuita. L'autore dello stesso editore va a parlare a presentazioni letterarie (spesso noiosissime) del suo libro davanti a 7 persone (suoi amici) senza vendere una copia. Di contro invece vedo un editore più grande a cui esce la recensione del romanzo su Venerdì di Repubblica (o su riviste molto importanti) prima ancora che questo sia in commercio (!!). Vedo l'autore andare da Fazio, poi da Linus a Radio Deejay, poi lo vedo da Santoro, alle Invasioni Barbariche, Tg1, Rainews24... Il suo libro è in tutti gli autogrill, alle coop, in bella vista in tutte le grandi librerie italiane.
Come si fa per un piccolo editore a combattere con lo strapotere promozionale dei grandi?


Gorilla: Ma perché il piccolo editore dovrebbe combattere contro lo strapotere promozionale dei grandi? Siamo realtà diverse. Noi abbiamo la nostra misura nel fare le cose, procediamo secondo il nostro passo, e con i nostri tempi. Abbiamo persino spazi (virtuali e reali) dove siamo ben accolti, ci troviamo bene e possiamo coltivare qualcosa, che sia un orticello o una giungla.


BB: Altro aspetto che vorrei trattare è come scegliete il materiale letterario. Arrivano migliaia di manoscritti alle redazioni degli editori, la maggior parte dei quali è di pessima qualità. Se anche ne arrivassero di buoni trovarli in mezzo ai mille è impresa quasi impossibile. Oggi ha ancora senso affidarsi all'invio spontaneo di manoscritti o è meglio affidarsi a professionisti (agenti letterari) che vi fanno già la scrematura? Voi come vi regolate?

Gorilla: Per adesso ci piace occuparci personalmente della selezione. Il rapporto diretto con l’autore è uno degli aspetti più interessanti di questo lavoro. Dove “interessante” sta per? … Non sarò certo io a sciogliere il dubbio.


BB: Cosa ci riserveranno le prossime uscite del Gorilla? Quante uscite farete all'anno?

Gorilla: Abbiamo due raccolte di racconti molto diverse tra loro, in uscita entro dicembre: “La testa aspra” di Filippo Parodi e “Un tebbirile intanchesimo e altri rattonchi” di Carlo Sperduti. E poi e poi… stay tuned! come si usa dire.


Auguriamo tutto il bene al Gorilla!
Dateci un'occhiata e comprate qualche loro libro, non ve ne pentirete!

yeah
BB
Siamo sporchi, bastardi e cattivi... Siamo Pirati.

Avatar utente
MasMas
Pirata
Messaggi: 10187
Iscritto il: 18/06/2011, 21:30
Pirata o Piratessa: M
Località: Imola
Contatta: Sito web Facebook Google+

Re: Intervista a Gorilla Sapiens Edizioni

15/11/2013, 12:26

Questa volta hai trovato un gorilla più strampalato di te. Ahrrr!
Da vicino nessuno è nOrMaLe
La vita è una corsa, e io sto cercando una panchina
Una risata vi seppellirà

Avatar utente
Elisa
Nostromo
Messaggi: 1537
Iscritto il: 28/07/2011, 18:50
Pirata o Piratessa: F

Re: Intervista a Gorilla Sapiens Edizioni

15/11/2013, 13:38

bella intervista! interessante il punto di vista dell'editore, si vede che Gorilla Sapiens ha i controsterzi ;)
Un pensiero è ciò che manca a una banalità per essere un pensiero (Kraus)

Avatar utente
Kriash
Pirata vincitore
Pirata vincitore
Messaggi: 849
Iscritto il: 11/04/2013, 11:38
Pirata o Piratessa: M
Località: Crevalcore (BO)

Re: Intervista a Gorilla Sapiens Edizioni

15/11/2013, 14:03

Molto interessante!
Grazie Capitano per avermeli fatti conoscere :)
Kriash - Alen

giat
Pirata
Messaggi: 87
Iscritto il: 09/05/2013, 20:41
Pirata o Piratessa: M

Re: Intervista a Gorilla Sapiens Edizioni

15/11/2013, 19:56

geniale

matteopugliares
Pirata
Messaggi: 4
Iscritto il: 18/01/2014, 16:02
Pirata o Piratessa: M
Località: Sortino (SR)
Contatta: Sito web

Re: Intervista a Gorilla Sapiens Edizioni

30/01/2014, 1:30

Una casa editrice davvero originale.
Ho avuto il piacere di realizzare anch'io un'intervista per il blog I libri di Morfeo.

Torna a “Le interviste di Pescepirata”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite