Avatar utente
Gattoula
Pirata vincitore
Pirata vincitore
Messaggi: 826
Iscritto il: 28/02/2017, 15:28
Pirata o Piratessa: F

Cambio di protagonista

05/04/2017, 13:19

Buongiorno! Sto scrivendo un racconto luuuuungo, in cui in un primo tempo il protagonista è X, ma poi muore e il protagonista diventa il suo 'amico' Y.
Come la vedete questa cosa?

A me mette un po' in crisi.
Ricordo quando lessi "Death Note", che mi aveva sfastidiato parecchio il cambio di protagonista.
Ora, escludendo saghe familiari (Buddenbrook, Casa degli Spiriti, ecc), in cui cambiano gli agenti ma il protagonista vero resta invariato in quanto è la famiglia nel suo complesso, sapreste segnalarmi altri casi di cambio del protagonista?
La vita non consiste soprattutto - e nemmeno in gran parte - in fatti e avvenimenti.
Consiste soprattutto nella tempesta di pensieri che infuria senza posa nella nostra mente.
(Mark Twain)

Avatar utente
monia74
Pirata vincitore
Pirata vincitore
Messaggi: 1318
Iscritto il: 22/09/2015, 18:40
Pirata o Piratessa: F
Località: Correggio
Contatta: Facebook

Re: Cambio di protagonista

05/04/2017, 14:24

Eh, sì, il Trono di Spade.
Certo, è una saga corale, ma i protagonisti muoiono in continuazione, per cui il cuore ti si trancia e devi riversare le attenzioni sugli altri che magari un secondo prima schifavi.
Ma un cambio di protagonista tout court lo trovo rischioso, a meno che alla fine non scopri che è lo stesso reincarnato o che sono collegati in qualche modo... Insomma, dipende da che cosa tiene su il romanzo. Potrebbe essere una roba sperimental-filosofica del tipo che il protagonista è "il nulla" o "la morte", e quindi il protagonista non è poi così' rilevante...
Tutti i libri sono autobiografici nelle emozioni.

Avatar utente
Geara Tsuliwaënsis
Nostromo
Messaggi: 1012
Iscritto il: 11/06/2012, 15:05
Pirata o Piratessa: F
Località: Nùgoro
Contatta: Sito web Facebook

Re: Cambio di protagonista

05/04/2017, 15:15

Gattoula ha scritto:Buongiorno! Sto scrivendo un racconto luuuuungo, in cui in un primo tempo il protagonista è X, ma poi muore e il protagonista diventa il suo 'amico' Y.
Come la vedete questa cosa?

A me mette un po' in crisi.
Ricordo quando lessi "Death Note", che mi aveva sfastidiato parecchio il cambio di protagonista.
Ora, escludendo saghe familiari (Buddenbrook, Casa degli Spiriti, ecc), in cui cambiano gli agenti ma il protagonista vero resta invariato in quanto è la famiglia nel suo complesso, sapreste segnalarmi altri casi di cambio del protagonista?


Io la vedo bene, anche perché quando il motore delle azioni di qualcuno è la morte di qualcun altro, mi aspetto sempre storie cariche di rancore, rimpianti e sete di vendetta.

Oltre al suggerimento di Monia, dei romanzi che mi sono rimasti impressi sono Giù nel cyberspazio di William Gibson, Olympos di Dan Simmons e l'immensa saga de La prima legge di Abercrombie, ma sono sempre romanzi corali.

Invece ne La cattedrale del mare di Ildefonso Falcones si passa dal punto di vista del padre a quello del figlio (Arnau ;_;), ma la vera protagonista è la cattedrale.

Ti riferisci alla morte di L?

monia74 ha scritto:Certo, è una saga corale, ma i protagonisti muoiono in continuazione, per cui il cuore ti si trancia e devi riversare le attenzioni sugli altri che magari un secondo prima schifavi.


Ci sono morti che non ho ancora superato. :(
Si has perdido el rumbo escúchame, llegar a la meta no es vencer, lo importante es el camino y en él, caer, levantarse, insistir, aprender.
La posada de los muertos - Mägo de Oz

Avatar utente
Gattoula
Pirata vincitore
Pirata vincitore
Messaggi: 826
Iscritto il: 28/02/2017, 15:28
Pirata o Piratessa: F

Re: Cambio di protagonista

05/04/2017, 19:10

Geara Tsuliwaënsis ha scritto:Io la vedo bene, anche perché quando il motore delle azioni di qualcuno è la morte di qualcun altro, mi aspetto sempre storie cariche di rancore, rimpianti e sete di vendetta.


Ecco, la situazione è tipo questa.

Gli altri romanzi di cui mi parlate mi pare di aver capito che siano romanzi corali, quindi... non vale! ;-)
La vita non consiste soprattutto - e nemmeno in gran parte - in fatti e avvenimenti.
Consiste soprattutto nella tempesta di pensieri che infuria senza posa nella nostra mente.
(Mark Twain)

Avatar utente
GustavoM
Pirata vincitore
Pirata vincitore
Messaggi: 123
Iscritto il: 25/01/2017, 2:06
Pirata o Piratessa: M
Località: Cesena
Contatta: Facebook

Re: Cambio di protagonista

05/04/2017, 19:50

Non ho capito bene di cosa si sta parlando qua, m hai provato l'amuleto di Samarcanda di Stroud?

Se ricordo bene c'e' un cambio di protagonista tra il demone e il ragazzo continuamente capitolo per capitolo (anche l'umorismo cambia). L'ho letto giovine giovine e perdonatemi se non so quel che dico :?

Avatar utente
MasMas
Capitano
Messaggi: 10036
Iscritto il: 18/06/2011, 21:30
Pirata o Piratessa: M
Località: Imola
Contatta: Sito web Facebook Google+

Re: Cambio di protagonista

05/04/2017, 20:25

Il guaio sta nell'empatia: se hai faticosamente creato empatia con un personaggio e lo mati poi devi ricominciare.
Certo però il colpo e forte, più forte di così... Insomma e un rischio che può pagare o meno.

Poi chi e il protagonista, uno, l'altro, la famiglia, la cattedrale, la vita l'amore o le vacche. Non e che ci sia una legge.
Magari più interessante e sapere quanto il romanzo e focalizzato sul personaggio, se il punto di vista e esterno o interno, in prima o in terza. Quanto la storia si regge solo su uno se ci sono altri ad aiutare.

Metti che so, se a un certo punto muore James Bond, o Batman, la botta ha un certo effetto di sicuro, ma dovremo parlarne.
Da vicino nessuno è nOrMaLe
La vita è una corsa, e io sto cercando una panchina
Una risata vi seppellirà

Avatar utente
Gattoula
Pirata vincitore
Pirata vincitore
Messaggi: 826
Iscritto il: 28/02/2017, 15:28
Pirata o Piratessa: F

Re: Cambio di protagonista

05/04/2017, 22:30

Mumble mumble
Credo di aver messo X come protagonista iniziale in modo proprio che il lettore ci si affezioni e che la sua morte risulti un trauma...
Continuerò a rifletterci, intanto grazie per il confronto <3
La vita non consiste soprattutto - e nemmeno in gran parte - in fatti e avvenimenti.
Consiste soprattutto nella tempesta di pensieri che infuria senza posa nella nostra mente.
(Mark Twain)

Avatar utente
GustavoM
Pirata vincitore
Pirata vincitore
Messaggi: 123
Iscritto il: 25/01/2017, 2:06
Pirata o Piratessa: M
Località: Cesena
Contatta: Facebook

Re: Cambio di protagonista

06/04/2017, 2:06

E se fosse una morte precoce?
Invece di dar troppo tempo al lettore di affezzionarcisi (tipo dal quarto di libro in giu', 3-5 capitoli massimo) lo crepi di sorpresa dopo qualche capitolo e introduci lentamente un nuovo punto di vista

Avatar utente
Titty
Pirata vincitore
Pirata vincitore
Messaggi: 1657
Iscritto il: 30/07/2016, 16:10
Pirata o Piratessa: F

Re: Cambio di protagonista

06/04/2017, 16:45

...lo crepi di sorpresa è fantastico.
Non si può morire lentamente nelle vostre storie. :lol:
"Di una cosa sono convinto: un libro deve essere un'ascia per il mare ghiacciato che è dentro di noi".

F. Kafka

Avatar utente
ArtiXmi
Pirata vincitore
Pirata vincitore
Messaggi: 470
Iscritto il: 26/10/2016, 22:23
Pirata o Piratessa: M
Località: La città un pò stretta
Contatta: Facebook

Re: Cambio di protagonista

06/04/2017, 19:09

Titty ha scritto:...lo crepi di sorpresa è fantastico.
Non si può morire lentamente nelle vostre storie. :lol:


Morire è un po' partire... O il contrario?
Beh io sono partito da un pezzo, ma è un'altra storia!
Il Mozzo.
https://www.facebook.com/ArtiXmi
Comunque, senza il lupo non esisterebbe nessuna fiaba

Torna a “Tecnica: domande e risposte”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite