Pagina 2 di 2

Re: Un'immagine, 250 parole 11 - scadenza 25-02-2018

Inviato: 07/02/2018, 12:33
da Titty
Infatti. Da un'immagine si possono tirar fuori una miriade di storie. Vedi che varietà...Ognuno ci ha visto una cosa diversa. Come dice Paolino non è cos'è ma cosa ci stimola. Mi è piaciuto la tua interpretazione con l'immagine di un volto. Bravo Stefano!

Re: Un'immagine, 250 parole 11 - scadenza 25-02-2018

Inviato: 07/02/2018, 12:56
da monia74
Dai che scherzavo.
Ora la sfida è vederci qualcos'altro ;)

Re: Un'immagine, 250 parole 11 - scadenza 25-02-2018

Inviato: 07/02/2018, 22:40
da Titty
o? o? o?

Re: Un'immagine, 250 parole 11 - scadenza 25-02-2018

Inviato: 10/02/2018, 15:38
da Nils Desperandum

Codice: Seleziona tutto

Lo chiamarono “mare di cristallo”, ma era un asteroide di vetro. Quando lo scoprirono, erano tutti estasiati dalla meraviglia di quelle formazioni sovrapposte e lisce spesse centinaia di metri, come onde d’oceano in un fermo immagine. L'analisi nucleare-biologica-chimica lo dichiarò abitabile e i visitatori non tardarono. Ne scrissero poemi, libri e canzoni. Le megacorporazioni del turismo aprirono grandi cantieri che sembravano sospesi nel vuoto. Fece notizia un terribile incidente: morirono quarantacinque persone. Si parlò di incredibili sfortunate coincidenze. I reduci raccontarono di attrezzi, strumenti e operai che sparivano senza lasciare traccia. Dissero che la trasparenza del mare di cristallo fosse contagiosa e che si stesse tirando dentro ogni cosa. Dopo l’evacuazione, si mandarono squadre di ricerca xenobiologica ma furono colpite anch’esse non si sa bene da che cosa. Si dispiegò l’esercito con la ferocia di chi difende quadrilioni di investimenti. Quando le sicure degli armamenti cominciarono a svanire sistematicamente e intere divisioni saltarono in aria si ebbe finalmente la conferma che ci fosse un nemico. Gli scienziati trovarono    modo di rilevare flebili traccie entropiche e i modelli mostrarono intermittenti ombre umanoidi. Si fecero progressi nel conflitto poi non accadde     nulla. Le ombre sparirono. Dopo     settimane la guerra si dichiarò vinta e si piansero i centinaia di migliaia    soldati deceduti. C’è chi accusò le megacorporazioni belliche di aver messo    scena una finta guerra per giustificare gli immensi budget. C’è chi disse invece che    contagio aveva trasceso   confini dell’asteroide.

Io c’ero. Ma non so     cosa    visto. Spesso    domando    non              tutto     sogno.                 vinto?

Re: Un'immagine, 250 parole 11 - scadenza 25-02-2018

Inviato: 13/02/2018, 4:24
da Gattoula
Non ti amo più

"Ho deciso di lasciarti".
Parole che arrivano come staffilettate, diritte al cuore.
Cerco di trattenerti, dai Sara parliamone, prendiamo un'altra birra, cosa c'è che non va nel nostro rapporto?
"Assolutamente nulla. Ma non mi da più niente."
Sara... possiamo lavorarci su, possiamo cambiare le cose, magari facciamo un viaggio?
"No, ormai ho deciso. È finita."
Ma perché, dai? Tutto si può sistemare, basta volerlo, e passare più tempo insieme, e...
"Non ti amo più".
La birra mi va di traverso. Come?! Cosa significa? Mi tremano le mani. Cosa vuol dire che non mi ami più?
"Vuol dire che non ti amo più".
Ma perché? Che cccazzo stai dicendo??
"Stai calmo, Gabri: è andata così, e basta."
Ma come 'e basta'? Stai calmo un cazzo! Ci dev'essere un motivo! C'è un altro?
"Gabriele, per favore..."
È così? C'è un altro?!
"..."
Parla, puttana!
"Gabri!"
Ammazzo te e lui, stronza!
"Gabriele basta!!"
Esplodo. Mi slancio in avanti sul tavolino per colpirla, e il pugno che le tiro dritto in faccia le spacca il naso. Lancia un grido, e mentre il sangue cola cupamente sul suo viso lei si alza di scatto, "Idiota.", e se ne va per sempre.
Resto lì attonito, sbigottito, sia per il suo comportamento che per la mia reazione violenta. Poi mi sento bagnare la maglia, i pantaloni: col mio gesto la birra si è rovesciata, e quella schiuma giallastra che si espande sul tavolo è tutto ciò che mi resta di Sara.