Avatar utente
Titty
Pirata vincitore
Pirata vincitore
Messaggi: 1615
Iscritto il: 30/07/2016, 16:10
Pirata o Piratessa: F

Re: Un'immagine, 250 parole. (4° parte)

10/04/2017, 9:09

Gattoula ha scritto:
Titty ha scritto:Io vado.
Ho fatto un omaggio.
Leggendo un po', ho scoperto questa poetessa e scrittrice giapponese.
Grazie per avermi spronato a documentarmi, senza questo disegno, non lo avrei fatto.
Chiedo venia, non so se sia ben scritto, ben leggibile.


Molto bello!
E mi fa piacere se la mia scelta vi ha spinto ad interessarvi alle culture dell'Estremo Oriente <3

Grazie. È più descrittivo che narrato, però ho scoperto una nuova scrittrice e non è poco.
"Di una cosa sono convinto: un libro deve essere un'ascia per il mare ghiacciato che è dentro di noi".

F. Kafka

Avatar utente
Titty
Pirata vincitore
Pirata vincitore
Messaggi: 1615
Iscritto il: 30/07/2016, 16:10
Pirata o Piratessa: F

Re: Un'immagine, 250 parole. (4° parte)

10/04/2017, 20:15

Toc, toc... c'è nessuno?
Io ho scritto. E gli altri?
"Di una cosa sono convinto: un libro deve essere un'ascia per il mare ghiacciato che è dentro di noi".

F. Kafka

Avatar utente
Gattoula
Pirata vincitore
Pirata vincitore
Messaggi: 711
Iscritto il: 28/02/2017, 15:28
Pirata o Piratessa: F

Re: Un'immagine, 250 parole. (4° parte)

10/04/2017, 21:02

Noi siamo a cena :D

Scherzi a parte, mo' s'arriva!
(Se non ci si vergogna a scrivere dopo questo tuo :o )
La vita non consiste soprattutto - e nemmeno in gran parte - in fatti e avvenimenti.
Consiste soprattutto nella tempesta di pensieri che infuria senza posa nella nostra mente.
(Mark Twain)

Avatar utente
Titty
Pirata vincitore
Pirata vincitore
Messaggi: 1615
Iscritto il: 30/07/2016, 16:10
Pirata o Piratessa: F

Re: Un'immagine, 250 parole. (4° parte)

10/04/2017, 21:35

Perché?
Non sono mica sicura di ciò che ho scritto.
Pare più un articolo.
Boh!
fiut
"Di una cosa sono convinto: un libro deve essere un'ascia per il mare ghiacciato che è dentro di noi".

F. Kafka

Avatar utente
GustavoM
Pirata vincitore
Pirata vincitore
Messaggi: 123
Iscritto il: 25/01/2017, 2:06
Pirata o Piratessa: M
Località: Cesena
Contatta: Facebook

Re: Un'immagine, 250 parole. (4° parte)

11/04/2017, 19:42

“..m-mi ha fatto I c-complimenti per la cena ch-che le avevo preparato e s-si e’ r-rivestita c-con calma . P-poi mi guarda...i-incerta e mi dice.. mi dice ch-ch-che io le piaccio ma per lei e’ s-soltanto un g-gioco. D-dice che si trova b-bene con me.. m-ma che un giorno p-passerà ad altro.. che è i-i-inutile sposarmi, che durerebbe p-poco. Lei v-v-uoole s-scalare la societa’ fino alla cima d-del p-potere..”
“ E e io le f-f-faccio: T-tesoro! S-se ti dico, oh s-s-iii ti p-prego sposami.. E’ p-p-er l’eccitazione del momento e non p-per fare la p-proposta”
“Assurdo. E lei? Che ti ha risposto?”
“Ha detto: ah “.
“E’ con gli ah che si scala la societa’ fino al potere!”
“S-se li urli e li al-all-lunghi un po’, p-possono f-f-unzionare”
“Yuri, sei un cretino” disse strozzando le parole con una risata
“Hai capito ch-ch-chi e’ lei?”
“Mmh.. Non era quella a fianco della Geisha madre alla festa delle famiglie sovrane?”
“ N-no. Era quella ch-che ci ha s-servito il tè”
“Ma dai? Ma era pure simpatica..”
“S-si.” e con gli occhi del fanciullo che sogna le stelle sottolineò “M-m-mia moglie”

Avatar utente
Titty
Pirata vincitore
Pirata vincitore
Messaggi: 1615
Iscritto il: 30/07/2016, 16:10
Pirata o Piratessa: F

Re: Un'immagine, 250 parole. (4° parte)

12/04/2017, 19:03

Gustavo, meno male tu.
Mi sentivo sola.
"Di una cosa sono convinto: un libro deve essere un'ascia per il mare ghiacciato che è dentro di noi".

F. Kafka

Avatar utente
Gattoula
Pirata vincitore
Pirata vincitore
Messaggi: 711
Iscritto il: 28/02/2017, 15:28
Pirata o Piratessa: F

Re: Un'immagine, 250 parole. (4° parte)

12/04/2017, 21:01

L’Impero delle Sempre Vergini sta preparando un nuovo attacco: il vicino Regno del Dragone Azzurro è nelle sue mire, e di sicuro nuovi uomini verranno catturati e trascinati nella capitale.
La perfida Kamakiri, Generale in Capo dell’esercito imperiale, ascolta con attenzione i piani della sua sovrana, mentre le guardie del corpo vegliano attentamente sulla sicurezza della sua persona.
Da secoli i regni confinanti tentano invano di porre fine ai massacri perpetuati dalle crudeli fanciulle: ‘guerre di conquista del seme’, come si potrebbero definire, cruente battaglie alla fine delle quali i prigionieri vengono deportati nell’Impero, per servire da inseminatori alle ragazze in condizione di procreare. Dopodiché, verranno decapitati.
Stesso destino di morte, nove mesi dopo, per i neonati maschi: solo alle bambine verrà consentito di raggiungere l’età adulta, per essere educate all’odio verso il genere maschile.
Tsuneni-Shojo, “Sempre Vergini”, è il cinico appellativo dato dai nemici a queste donne spietate, vendicatrici di chissà quale antico stupro.
Tale egemonia femminile prospera inarrestabile a spese dei maschi confinanti, arroccata tra picchi insormontabili e fertili vallate, strenuamente difese in furisode.

Ma ora, una serpe in seno alla sala imperiale è pronta a rivelare tutte le informazioni tattiche al nemico: ha ascoltato attentamente tutte le istruzioni belliche, sa dove colpirà l’esercito, di quante fanti dispone, dove verranno posizionate le cavallerizze, quali e quante armi di morte sferreranno l’attacco.

Deve l’Imperatrice mettere a morte il proprio fidato generale? O una delle fedelissime guardie del corpo?
O basterebbe semplicemente spennare il pappagallo chiacchierone e farselo allo spiedo?
Ultima modifica di Gattoula il 12/04/2017, 21:10, modificato 1 volta in totale.
La vita non consiste soprattutto - e nemmeno in gran parte - in fatti e avvenimenti.
Consiste soprattutto nella tempesta di pensieri che infuria senza posa nella nostra mente.
(Mark Twain)

Avatar utente
Gattoula
Pirata vincitore
Pirata vincitore
Messaggi: 711
Iscritto il: 28/02/2017, 15:28
Pirata o Piratessa: F

Re: Un'immagine, 250 parole. (4° parte)

12/04/2017, 21:09

Eccomi, scusate il ritardo ma questa settimana ho lavorato a pieno ritmo!
un paio di Note Linguistiche sul mio raccontino:

I furisode sono i kimono più formali, indossabili unicamente dalle ragazze nubili (e in teoria una ragazza non potrebbe più indossarlo dopo i venticinque anni, età media delle spose).
(mi pareva stonasse un po' "difendere in gonnella", e il furisode mi pareva si prestasse bene ;-) )

Tsuneni-Shojo significa letteralmente “Sempre Vergini". che so che sembra un'espressione un po' astrusa, ma ... ha avuto per me un significato molto preciso, ed è quello che mi ha ispirato tutto il racconto, quindi ho deciso di non cambiarla

Kamakiri è "mantide" o-
La vita non consiste soprattutto - e nemmeno in gran parte - in fatti e avvenimenti.
Consiste soprattutto nella tempesta di pensieri che infuria senza posa nella nostra mente.
(Mark Twain)

Avatar utente
Silves
Pirata
Messaggi: 12
Iscritto il: 24/03/2017, 13:44
Pirata o Piratessa: F
Località: Udine

Re: Un'immagine, 250 parole. (4° parte)

14/04/2017, 0:50

Le andava stretta la vita di corte ne era certa, lì fuori c'era un mondo. Diverso certo, sicuramente duro, fatto di lavoro pesante, di freddo, di sacrificio, ma pur sempre un mondo! A cosa le serviva studiare tanto se poi le uniche cose che metteva in pratica erano sorrisi e frivolezze? Niente amicizie, niente amori. La sua "normalità" era scandita sempre allo stesso modo, si girò ad osservare le sue insegnanti mentre preparavano l'occorrente sullo scrittoio, carte, rotoli sparsi ovunque. Era grata per la loro vocazione, l'impegno e pazienza ma non era questo che lei aspirava per se stessa, le voleva bene mai le avrebbe deluse. Inutile parlarne con loro non avrebbero compreso il suo bisogno di evadere dalla propria vita dorata ed esplorare ciò che circondava le mire del suo sontuoso palazzo. Raccolse un fiore e lo portò al viso, era bellissimo di un bianco candido, profumato e non poté non paragonarsi ad esso e pensare che lo stesso fiore fosse nato anche al di là delle porte sprangate. Sempre candido ma forte, resistente, voglioso di vivere. Se lo mise dietro l'orecchio sinistro e rientrò con la consapevolezza che la sua tempra era esattamente come quel fiore candido, forte.

Avatar utente
MasMas
Capitano
Messaggi: 9892
Iscritto il: 18/06/2011, 21:30
Pirata o Piratessa: M
Località: Imola
Contatta: Sito web Facebook Google+

Re: Un'immagine, 250 parole. (4° parte)

14/04/2017, 15:07

Ecco qua il mio. Vi avverto, è appena riletto, quindi perdonatemi, ma sono un po' di fretta.
Non ho nemmeno fatto tanta ricerca, per cui magari ho scritto robe irreali. Pazienza, è un giochino. Per lo stesso motivo, anche sapendo che c'è chi ci capisce, spero di non aver fatto grossi strafalcioni coi nomi.

----------------------------------------------------------

Quattro gemelle bastarde. Nostra madre era morta di parto, questa era la versione. Figlie di Amaterasu, ci chiamavano. Perché per le figlie dello shogun la verità non si poteva usare.
“Padre, portaci con te.”
Lui ci aveva riconosciute, almeno. Ci aveva amate, a modo suo.
“Che dite, bambine stolte. Vado in guerra!”
Allevate dalle migliori nutrici, educate dai più saggi. Se non altro, il senso di colpa è potente.
“Padre, non ti intralceremo. Abbiamo solo te, nostra madre…”
Educate a donne da marito, le migliori. Chissà se, un marito. Figlie dello shogun, sì, ma pur sempre di Amaterasu.
“Ah! Sempre la scusa di vostra madre. Piccole perfide.”
Mi girai dietro, guardai le altre, cercai i loro occhi: “Se ci porti non faremo più capricci. Studieremo, diventeremo buone mogli.” Annuirono, annuii.
“Questa è un’offerta interessante.”
Così partimmo, al seguito dell’esercito.
Comunque dobbiamo studiare, imparare a imbellettarci, a fasciarci da non respirare, a conversare come ragazzette, a obbedire agli uomini, a fingere sia divertente.
Ma la notte possiamo essere noi stesse. Kuroko scivola nelle tenebre, fino alle mappe coi piani di battaglia. Akane ci porta nei sogni, da nostra madre in cielo, dove siamo condottiere al comando degli eserciti imperiali. Shinju le racconta della guerra, correggiamo i piani dei generali, ideiamo nuove strategie. Poi io, Aoi, lascio biglietti, voci nei corridoi, suggerimenti anonimi; ben accetti, a quanto vediamo dalle vittorie che lasciamo dietro di noi.
Perché siamo figlie di Amaterasu, ma anche degne eredi di papà, lo shogun.
Da vicino nessuno è nOrMaLe
La vita è una corsa, e io sto cercando una panchina
Una risata vi seppellirà

Torna a “MINI-SFIDE”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite