Giuliana Dea
Pirata
Messaggi: 88
Iscritto il: 19/11/2012, 12:04
Pirata o Piratessa: F
Località: Roma
Contatta: Sito web

Di sesso, di amore e di altre sconcezze - Blonk editore

16/11/2014, 14:29

Immagine Autore: Fabrizio Casu
Editore: Blonk
Parole: 141661
Pubblicato il: 18/07/2013
ISBN: 9788897604204
Prezzo: € 4,99

Storie di non amore appassionato.

Sesso, tantissimo sesso, persone, calde e fredde, uomini, donne, cosmi intrecciati. E passione, tanta passione.

Potremmo essere a Bologna, ma forse anche a Roma o a Milano, è sicuro il XXI secolo, è sicuro che Alessandro, il protagonista, la sua Adriana la voleva, tanto, poi le mille donne che improvvisamente compaiono nella sua vita, e la squadernano, gli fanno riconsiderare le priorità.

Non più sfigato, ma tombeur de femmes, non più bravo ragazzo ma abitante maledetto della notte.

In fondo c’è una domanda, esiste l’amore? La risposta manca.


Stile: <o> <o> <o> <o>
Contenuto: <o> <o> <o> <o>
Voto generale: <o> <o> <o> <o>

Siccome nessuno sembra volersi occupare di questo libro, ho deciso di occuparmene io.
Con una premessa. Sono di parte.
Conosco l'autore,virtualmente. L'ho anche intervistato, insieme a un altro paio di loschi individui come il suo editor e un collega autore della stessa casa editrice.
Ho letto il libro e l'ho anche riletto, non tutto ma a pezzi, perché ci sono dei pezzi che mi sono piaciuti molto e quindi in un anno me li sono riletti con piacere.

Sarò forse poco obbiettiva, però ci tengo a dirvi che secondo me questo è un libro che va letto. Sì, è un ebook, sapete la lunga diatriba sul cartaceo e il digitale? Ecco, io di quella diatriba mi faccio un baffo perché mi interessa il contenuto.
E qui il contenuto c'è.

Non è un contenuto perfetto, sia chiaro.
Stiamo parlando di un romanzo che rientra nella definizione 'romanzo generazionale', perché rispecchia una generazione, quella di noi che entravamo nell'età adolescenziale verso la fine degli anni '80, perfettamente. O quasi. Ecco, magari non abbiamo fatto proprio tutti tutti le stesse cose di Alessandro, eh.
Però parla di noi e di quella lunghissima adolescenza che riusciamo a protrarre anche oltre i 30 anni.

Ah, sì, quella faccenda del sesso.
Insomma, se all'incipit vi fate scoraggiare come delle educande intimidite perché vi sembra un po' troppo esplicito, vi consiglio di chiuderlo subito, perché peggiora.

Però, credetemi, il sesso in questo romanzo non è la questione principale. Sì, d'accordo, ce n'è tanto. Ma la questione principale resta una sola, ed è molto semplice. Persino banale.
Questo romanzo parla di come caspita si sopravvive alla fine di un grande amore.
Niente di più e niente di meno.

E andando avanti di percentuale in percentuale (abbiate pazienza, gli ebook sono così) quello che succede è che un po', del sesso, cominciate a fregarvene, e invece vi sentite empatici con le paranoie di Alessandro.
Sì, pure se siete femmine. Io sono femmina (dicono), eppure Alessandro mi somiglia un sacco.

Poi se proprio non riuscite a sentirvi un po' partecipi, ve lo consiglio perché Fabrizio sa scrivere dei dialoghi che funzionano. Magari ogni tanto deve trovare il momento giusto per fermarsi, ma erano anni che non leggevo dialoghi che scorrono così.
E insomma, vi assicuro che non è una cosa da poco.

Allora, provateci, a superare l'incipit, pure voi che vi inibite appena leggete una parolaccia o un periodo non proprio raffinato.
Ne vale la pena.

Torna a “la Redazione di Pescepirata”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite