Avatar utente
Florelle
Pirata
Messaggi: 204
Iscritto il: 10/01/2013, 14:39
Pirata o Piratessa: F

Il caso Eduard Einstein -Laurent Seksik

16/09/2014, 9:33

titolo: Il caso Eduard Einstein
autore: Laurent Seksik
casa editrice: Frassinelli
anno d'uscita: 2014
isbn: 978882005628
pagine: 320
prezzo: 17.5 euro


Immagine


Provavo molta curiosità per questo libro, finalista del prestigioso premio Goncourt in Francia. Mi aspettavo un libro nello stile di quelli spesso premiati dal prestigioso riconoscimento, con una prosa ricca, che a tratti sfiora la prosa d’arte. Ecco, comincio subito col dirvi che Il caso Eduard Einstein è tutto l’opposto, un libro dalla prosa semplice e diretta, quasi cinematografica, che vola via velocemente tra le pagine.
Già dal titolo si evince l’argomento del libro: è la ricostruzione minuziosa (con tanto di bibliografia finale) della vita di Eduard Einstein, il figlio di Albert Einstein, affetto da una grave forma di schizofrenia, mai accettata dal padre. Il giovane Eduard è affidato prima alle cure di sua madre Mileva, prima moglie del grande scienziato, poi inizia un calvario fatto di lunghi ricoveri in manicomio, brevi periodi a casa, la ricerca delle cure. Intorno a questa vicenda intima, risuona l’eco del Nazismo, della Seconda Guerra Mondiale, poi del dopoguerra e del maccartismo (come sapete, Albert Einstein fu costretto a espatriare negli Stati Uniti a causa delle persecuzioni naziste, ma anche lì non ebbe vita facile a causa del suo pacifismo e del suo supporto al movimento per i diritti dei neri).
I punti di forza del libro sono due. Il primo, che confesso, è quello che mi ha più colpito positivamente, è il modo in cui l’autore fa sentire la voce di Eduard (che a volte narra in prima persona). Nella polifonia di punti di vista che costituiscono la struttura della narrazione, la voce di Eduard è quella più distinta e la più curata. Non solo. Ammetto che ero molto scettica sulla trattazione della voce di una persona con problemi psichiatrici, perché oltre a essere un topos, è un trucco al quale negli ultimi anni hanno ricorso molti scrittori, troppo spesso a sproposito solo per giustificare un certo modo di scrivere o creare un personaggio pretestuosamente fuori dagli schemi (e spesso molto mal riuscito). Laurent Seksik (che per altro di professione è medico) non cade in questa trappola, ma sfrutta le proprie conoscenze per costruire una voce realistica, attinente e che poco cede alle tentazioni letterarie. Seksik ci restituisce non solo i moti interni di un personaggio a tutto tondo, ma riesce, attraverso questa voce, a calare il lettore nell’intrigo dei rapporti familiari.
Il secondo aspetto senza dubbio positivo è la capacità di intrecciare storia e finzione, non solo attraverso una documentatissima bibliografia, ma anche nell’abilità di intrecciare documenti originali (le lettere di Einstein), nel tessuto narrativo fittizio. Anche questa non è certo una tecnica innovativa, ma Seksik la padroneggia magistralmente, creando un tessuto omogeneo e compatto.
Ecco, leggendo questo romanzo storico, viene in mente proprio quanto diceva Manzoni sul rapporto tra vero e verosimile: Laurent Seksik si muove magistralmente in quest’ultima area, mostrando grande sensibilità e quasi empatia nei confronti dei propri personaggi.
Il romanzo mi è piaciuto molto e se devo trovargli una pecca, è forse lo stile, che a volte ho trovato eccessivamente veloce e modernista, ma è questione di gusti personali. Credo che Il caso Eduard Einstein sia una buona occasione, invece, per avvicinare al romanzo storico vero e proprio (che vada oltre alla pretestuosità storica dei romanzi d’avventura d’ambientazione storica) il lettore che sia un po’ spaventato dal genere e che lo percepisca come troppo impegnativo o addirittura serioso. È anche la conferma che si possono trattare temi universalmente validi e drammatici, senza scadere mai nel patetico; insomma, ve lo consiglio caldamente.

stile <o> <o> <o> <o>
contenuti <o> <o> <o> <o> <o>
complessivo <o> <o> <o> <o> <o>

Avatar utente
Black Bart
Capitano
Messaggi: 7139
Iscritto il: 15/02/2011, 13:45
Pirata o Piratessa: M
Località: Bologna
Contatta: Sito web Facebook

Re: Il caso Eduard Einstein -Laurent Seksik

16/09/2014, 13:47

Florelle, bellissimissima recensione.
Meglio di una professionista!
YEAH
Siamo sporchi, bastardi e cattivi... Siamo Pirati.

Avatar utente
peta
Pirata vincitore
Pirata vincitore
Messaggi: 1990
Iscritto il: 16/08/2011, 9:48
Pirata o Piratessa: F

Re: Il caso Eduard Einstein -Laurent Seksik

16/09/2014, 15:24

bellissima recensione! mi hai molto incuriosita.

Torna a “la Redazione di Pescepirata”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite