Avatar utente
Florelle
Pirata
Messaggi: 204
Iscritto il: 10/01/2013, 14:39
Pirata o Piratessa: F

L'irritante questione delle camere a gas -Bompiani-

24/02/2014, 20:25

L’Irritante questione delle camere a gas. Logica del negazionismo

Valentina Pisanty
Bompiani: Milano
2014 (prima ed. 1998)

http://bompiani.rcslibri.corriere.it/libro/7579_l_irritante_questione_delle_ca_pisanty.html

Immagine

Formato → ebook

Nr pagine → 384

Stile (da 1 a 5)<o> <o> <o> <o>

Contenuti (da 1 a 5)<o> <o> <o> <o> <o>

Voto Generale (da 1 5)<o> <o> <o> <o> <o>

Il titolo di questo saggio è provocatorio, quindi non fatevi spaventare e saltate al sottotitolo, che rende bene cos’è questo saggio: un paziente esercizio che smonta, attraverso una puntuale analisi retorica, semiologica e linguistica, le argomentazioni dei più famosi negazionisti (sì, quelli che dicono che l’Olocausto è un invenzione). Il libro viene da una tesi e ne ritiene l’impostazione puntuale fino al pedissequo, ma, per fortuna, lo stile piuttosto coinciso e chiaro rende scorrevole la lettura. La tesi esposta nel libro, però, è interessante e si basa su due assunti. Il primo è che il discorso negazionista parte sempre da un’opinione assunta come verità assoluta e di conseguenza agirà soltanto per smontare tutti quegli elementi che nel discorso storico-fattuale si oppongono a questa idea precostituita, usando varie strategie retoriche efficaci nel convincere, ma fallaci dal punto di vista metodologico (come, ad es., non osservare mai un documento nel suo complesso e nel suo contesto; adoperare il principio del falsum in unum falsum in omnibus per cui se un dettaglio di un documento più ampio si rivela in esatto, l’intero documento viene ritenuto mendace etc.). In questo modo il negazionista si pone al di fuori delle premesse condivise sul discorso storico (o più in generale scientifico). Il secondo assunto è quello di non lasciare mai spazio alla casualità degli eventi, ma di assumere la causalità come supremo principio guida: nulla avviene per caso, tutto è preordinato o quanto meno effetto di un’azione consapevole. Questo modo di ragionare, a dire la verità molto popolare anche in altri campi, forma la base del cosiddetto complottismo.
Identificando queste due premesse, Valentina Pisanty svolge con pazienza e meticolosità un vero e proprio lavoro di smontamento delle più famose argomentazioni negazioniste, costruendo allo stesso tempo una storia del pensiero negazionista dai suoi albori fino al giorno d’oggi. Infine, l’ultimo capitolo si rivela forse il più interessante. Qui l’autrice mette a fuoco come il negazionismo, fino a quindici anni fa comunque una corrente di pensiero marginale, abbia saputo abilmente sfruttare le potenzialità della rete per fare proselitismo, spesso facendo leva su una diffusa incapacità di analizzare criticamente il discorso storico-politico e nutrendosi sia delle semplificazioni attorno al discorso sulla Shoah, troppo spesso banalizzato (quante volte si usa nel linguaggio dei media la metafora della Shoah per indicare stermini o tragedie di altra natura?) o cristallizzato nelle forme della memoria istituzionalizzata (la retorica del giorno della Memoria) e non più partecipata, sia di un antisemitismo diffuso trasversalmente nella società italiana e che ha ripreso vigore con l’acuirsi del conflitto israelo-palestinese (quante volte nel discorso comune viene usato il termine ‘ebraico’ come equivalente di ‘israeliano’?).
A me il libro è piaciuto molto, anzi, devo dire che l’ho trovato utile, sia perché unisce rigore scientifico e afflato civile, sia perché le strategie usate nel libro per controbattere le tesi negazioniste forniscono una metodologia utile per affrontare altre forme di complottismo.

Lo consiglieresti: sì. Soprattutto agli appassionati di semiotica e scienze della comunicazione, di storia del Novecento e di politica.
Piacerà a chi ama: Pierre Vidal Naquet. Gli assassini della memoria. Saggi sul revisionismo e la Shoah.
Claudio Vercelli. Il negazionismo. Storia di una menzogna.

Giuliana Dea
Pirata
Messaggi: 88
Iscritto il: 19/11/2012, 12:04
Pirata o Piratessa: F
Località: Roma
Contatta: Sito web

Re: L'irritante questione delle camere a gas - Valentina Pis

27/02/2014, 22:42

Ecco, io questo libro penso che lo leggerò, già aveva l'aria di essere interessante prima della recensione. (confesso che avrei voluto arrivare in tempo per leggerlo e recensirlo, ma florelle sicuramente ha più dimestichezza di me con la saggistica)

Avatar utente
nonnaV.
Pirata
Messaggi: 647
Iscritto il: 13/11/2013, 17:37
Pirata o Piratessa: F
Località: Lazio
Contatta: Sito web

Re: L'irritante questione delle camere a gas - Valentina Pis

01/03/2014, 16:03

Credo di averlo letto, e infatti vedo che si tratta una ristampa; faccio una ricerca tra i miei (disordinati) testi...
Il discorso sul negazionismo si è esteso negli ultimi anni, anche a causa della diffusa superficialità dei dell'informazione. La rete alimenta un approccio poco scientifico alle fonti in quanto viene usata male, laddove l'accessibilità e abbondanza di documentazione cui facilmente accedere dovrebbe invece agevolarne l'uso. Si tratta naturalmente di carenze metodologiche, spesso legate alla crisi complessiva dell'istruzione.
"Sii quello che vorresti sembrare" (Carrol
Sei (hai) una nonna? Vieni (accompagnala) nel mio blog!

Avatar utente
barbara78e
Pirata
Messaggi: 2690
Iscritto il: 22/02/2012, 14:09
Pirata o Piratessa: F
Contatta: Sito web

Re: L'irritante questione delle camere a gas - Valentina Pis

06/03/2014, 11:54

...in cosa può sperare il raccolto se non nella cura del mietitore?

Avatar utente
Ria
Pirata
Messaggi: 526
Iscritto il: 16/11/2012, 14:09
Pirata o Piratessa: F

Re: L'irritante questione delle camere a gas -Bompiani-

07/03/2014, 18:59

Mi piace molto come recensione! Brava Florelle.
'Io scrivo perché se no sclero' Caparezza

Avatar utente
Florelle
Pirata
Messaggi: 204
Iscritto il: 10/01/2013, 14:39
Pirata o Piratessa: F

Re: L'irritante questione delle camere a gas -Bompiani-

07/03/2014, 21:57

Giuliana: credo che il libro ti piacerà molto.
nonnaV.: credo che la redazione sia un po' ampliata, proprio per includere l'ampliarsi del fenomeno attraverso la Rete. Purtroppo hai ragione, l'utente medio è mal preparato nella valutazione delle fonti che si trovano online e spesso un linguaggio convincente è sufficiente a convincere l'incauto utente della bontà delle proprie teorie.
Barbara78e: grazie :)
Ria: grazie mille :oops:

Torna a “la Redazione di Pescepirata”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite