Avatar utente
Black Bart
Capitano
Messaggi: 7135
Iscritto il: 15/02/2011, 13:45
Pirata o Piratessa: M
Località: Bologna
Contatta: Sito web Facebook

ESEMPIO PRATICO DI EDITING + INDICAZIONI VARIE

23/05/2011, 13:56

Postiamo qui un editing sul linguaggio fatto nel laboratorio. Il racconto non è un racconto ma un capitolo che è stato editato da Bruno.
E' molto interessante notare la tecnica dell'editor.
Non ha inciso più di tanto nella scrittura, Ha segnalato parole superflue e frasi da riscrivere proponendo un'alternativa.
Ha usato lo strumento "commento" invece di intervenire direttamente sul testo, il che facilità l'autore a capire dove e cosa cambiare.

Dobbiamo ancora trovare un buon metodo per gli editing multipli.
Per l'autore avere 3-4 racconti editati può essere disorientante, sistemare un racconto guardando in parallelo altri 3-4 file è difficile, quasi impossibile. Quindi di solito si tende a scegliere quello che si condivide di più.
Però è un peccato perché si potrebbero perdere osservazioni importanti.

La mia opinione è che se l'editing è solo strutturale si possono fare tutti gli editing che si vuole e l'autore non avrà difficoltà a cogliere i vari suggerimenti.
Se invece parliamo di editing sul linguaggio allora forse varrebbe la pena farli in sequenza. E' brutto perché l'editor vorrebbe non farsi influenzare da gli altri editing fatti, tuttavia diversamente è solo caos.
Cosa ne pensate voi?

L'ideale sarebbe che l'autore sistemasse il testo ed un secondo editor rifacesse un nuovo passaggio di editing. Oppure che il secondo editor agisse sul testo già commentato.
Allegati
lacittaliquefatta-EDITING BRUNO1.doc
Esempio di editing fatto da Bruno
(42 KiB) Scaricato 63 volte
Siamo sporchi, bastardi e cattivi... Siamo Pirati.

Avatar utente
Eledie
Pirata
Messaggi: 248
Iscritto il: 15/05/2011, 11:41
Pirata o Piratessa: F
Località: Milano

Re: ESEMPIO DI EDITING SUL LINGUAGGIO

23/05/2011, 14:52

"L'ideale sarebbe che l'autore sistemasse il testo ed un secondo editor rifacesse un nuovo passaggio di editing. Oppure che il secondo editor agisse sul testo già commentato".

Sono perfettamente d'accordo, era un'idea che volevo proporre.
In questo momento ho finito di leggere il primo capitolo - Il mondo non fa per me, e non ho visto né considerato le correzioni fatte dagli altri. Ma facendo così si perde più tempo, soprattutto per chi ha scritto il testo perché deve rileggere la forma originale, che probabilmente ha già modificato sulla base degli altri editing.
Per me la cosa migliore è accettare le modifiche del primo editor, quelle condivise ovviamente, e poi sottoporre il testo già modificato agli altri lettori-editor.
In questo modo, credo si faccia meno confusione.

Avatar utente
Black Bart
Capitano
Messaggi: 7135
Iscritto il: 15/02/2011, 13:45
Pirata o Piratessa: M
Località: Bologna
Contatta: Sito web Facebook

Re: ESEMPIO DI EDITING SUL LINGUAGGIO

21/06/2011, 9:09

Visto gli ultimi editing che stiamo facendo nella sezione "editatemi" scrivo questo post per stimolare l'uniformità.
Sui racconti abbiamo visto che è inutile separare editing strutturale ed editing di linguaggio.
Sarebbe dispersivo e lungo. Quindi possiamo unire i due editing.

Chiederei che si trovasse una tecnica condivisa per agevolare l'autore a sistemare i testi.

Per cui propongo queste regolette:
- parole o frasi superflue e quindi da togliere: vengono messe tra due parentesi ().
- parole o frasi da cambiare vengono evidenziate in giallo e commentate con un commento a margine.
- note strutturali, passaggi deboli o spunti per migliorare il racconto vengono messi con commenti a margine (senza evidenziazione gialla)

L'editor non interviene mai direttamente sul testo se non con parentesi o commenti.
L'editor suggerisce. Per cui dice "io metterei", "consiglierei", "cambierei questa frase"... In quanto l'autore ha sempre facoltà di accettare o meno i consigli.
Facendo l'editing (in particolar modo quello sul linguaggio) l'editor legge frase per frase, facendo su ogni frase una piccola analisi. Fila? Non fila? Ci sono parole superflue che appesantiscono? Ecc...

Facendo l'editing chiedo agli editor di segnalare all'autore i passaggi belli, i passaggi che gli sono piaciuti di più mettendo commenti non solamente critici.

Grazie.

Allego un mio editing come esempio delle regolette scritte sopra, non perchè sia meglio di altri.
Allegati
crediamoci-editing%20BB.odt
(14.66 KiB) Scaricato 28 volte
Siamo sporchi, bastardi e cattivi... Siamo Pirati.

Avatar utente
yukie
Pirata vincitore
Pirata vincitore
Messaggi: 1624
Iscritto il: 28/04/2011, 18:03
Pirata o Piratessa: F

Re: ESEMPIO DI EDITING SUL LINGUAGGIO

21/06/2011, 10:00

Capitano, io vedo solo le parentesi e non i commenti a margine.
Quando apro il documento mi appare sopra una scritta in giallo che dice "WordPad non supporta tutte le funzionalità del formato di questo documento. Parte del contenuto potrebbe risultare mancante o essere visualizzata in modo non corretto." :(
Che devo fare?

Avatar utente
Black Bart
Capitano
Messaggi: 7135
Iscritto il: 15/02/2011, 13:45
Pirata o Piratessa: M
Località: Bologna
Contatta: Sito web Facebook

Consigli all'autore editato

21/06/2011, 10:11

Consiglio agli autori che si sottopongono a editing collettivi di sistemare il testo seguendo questa procedura:

- leggere tutti gli editing
- scegliere l'editing che si trova più aderente alla propria scrittura, al proprio gusto
- lavorare direttamente su quel file. Togliere le parole tra parentesi (quelle che si condividono). Eseguire le modifiche suggerite (quelle che si condividono). Pulire il testo dai commenti.
- aprire un secondo file editato e valutare se ci sono altri suggerimenti utili
- aprire un terzo (ecc..) file editato e valutare se ci sono altri suggerimenti utili
- postare il racconto definitivo.
Siamo sporchi, bastardi e cattivi... Siamo Pirati.

Avatar utente
Anne Bonny
Capitano
Messaggi: 2770
Iscritto il: 15/02/2011, 12:26
Pirata o Piratessa: F
Località: Un'Isola Compresa

Re: ESEMPIO DI EDITING SUL LINGUAGGIO

21/06/2011, 10:53

yukie ha scritto:Capitano, io vedo solo le parentesi e non i commenti a margine.
Quando apro il documento mi appare sopra una scritta in giallo che dice "WordPad non supporta tutte le funzionalità del formato di questo documento. Parte del contenuto potrebbe risultare mancante o essere visualizzata in modo non corretto." :(
Che devo fare?


yukie forse wordpad non le supporta perché (non lo conosco troppo) credo sia un programma base-base
prova con open office (software libero) o word
Quando mangio, bevo acqua. Quando bevo, bevo vino!
(Un Alpino)

Avatar utente
Black Bart
Capitano
Messaggi: 7135
Iscritto il: 15/02/2011, 13:45
Pirata o Piratessa: M
Località: Bologna
Contatta: Sito web Facebook

Programmi per editare

21/06/2011, 10:55

Tutti gli editor devono usare programma compatibili con la comunità, in modo da agevolare il lavoro degli autori.
I programmi scelti sono word (salvare il file in formato doc) e openoffice.

Nella sezione tecnologica, la stiva di Clay potete chiedere aiuto per l'installazione con il vs sistema operativo.
Siamo sporchi, bastardi e cattivi... Siamo Pirati.

Avatar utente
Alex0574
Pirata
Messaggi: 1065
Iscritto il: 13/06/2011, 10:27
Pirata o Piratessa: M

Re: ESEMPIO PRATICO DI EDITING + INDICAZIONI VARIE

23/06/2011, 11:43

quindi se ho capito bene si scarica il testo, si mettono le note tra parentesi ... e poi? tutti quei fumetti sulla destra come appaiono .. ? sto impazzendo
Newt: perchè ci dicono che i mostri non esistono?
Ripley: il più delle volte è vero. Il più delle volte.

(Aliens scontro finale)

Avatar utente
Black Bart
Capitano
Messaggi: 7135
Iscritto il: 15/02/2011, 13:45
Pirata o Piratessa: M
Località: Bologna
Contatta: Sito web Facebook

Re: ESEMPIO PRATICO DI EDITING + INDICAZIONI VARIE

23/06/2011, 11:50

Allora. Quando si fa l'editing si legge frase per frase. Se ci sono parole superflue (sempre ce ne sono), aggettivi inutili che rendono pesante la frase, si mettono tra parentesi. Come dire all'autore: io questa parola la toglierei, ma lasciandola visibile a lui in modo che possa leggere la frase saltando la parola e valutando se il consiglio gli garba.

Quando invece consigli di cambiare una parola, una frase, hai un commento (io questa frase la riscriverei: "bla bla bla..."), anche un giudizio positivo su un passaggio del racconto, metti un commento (il fumetto).
Per mettere il commento su word fai così: selezioni una parola, vai nel menu in alto "inserisci", alla settima voce c'è "commento. Lì ti si apre il fumetto e dentro puoi scrivere ciò che vuoi.

In openoffice la procedura è pressochè identica.
Siamo sporchi, bastardi e cattivi... Siamo Pirati.

Avatar utente
Alex0574
Pirata
Messaggi: 1065
Iscritto il: 13/06/2011, 10:27
Pirata o Piratessa: M

Re: ESEMPIO PRATICO DI EDITING + INDICAZIONI VARIE

23/06/2011, 11:56

bene, ora vedo la luce in fondo al tunnel :)
grazie della pazienza
Newt: perchè ci dicono che i mostri non esistono?
Ripley: il più delle volte è vero. Il più delle volte.

(Aliens scontro finale)

Torna a “AREA DIDATTICA”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti